Cade in bici, il Comune condannato al risarcimento perché «la strada era scivolosa»

«Sentenza storica» secondo Alvaro Ancisi di Lista per Ravenna, che si era occupato della vicenda

Via Mazzini, Luogo Dell'incidente (sulla Fascia Bianca Di Pietra Di ApricenaIl Comune di Ravenna è stato condannato a risarcire 1.931 euro – oltre agli interessi legali dal giorno del sinistro – a una donna che si era rotta il piede scivolando e cadendo a terra mentre era in sella alla propria bicicletta in via Mazzini in una giornata piovosa dell’aprile di quattro anni fa.

La notizia è riportata da Alvaro Ancisi di Lista per Ravenna, che sul caso aveva redatto anche un’interrogazione e che definisce «storica» la sentenza della magistratura, «attribuendo al Comune sue responsabilità sui danni subìti dai cittadini».

CONAD VINI SABBIONI VOLI MRT2 21 – 27 11 19

A pesare nella decisione del giudice di pace – a cui la donna si è rivolta dopo che il Comune le aveva inizialmente rifiutato la richiesta di risarcimento – i lavori di qualche anno dopo dello stesso Comune sulla stessa via Mazzini per il «ripristino delle originali condizioni di rugosità» della strada, «levigata – a detta della stessa Amministrazione, nella relativa relazione – con il passaggio negli anni di pedoni, biciclette e veicoli per carico e scarico». “Prova decisiva” questa – come la chiama Ancisi – a favore della signora danneggiata (a cui il giudice attribuisce comunque varie responsabilità), “scoperta” da Lista per Ravenna, «nell’esercizio delle proprie azioni a tutela della buona amministrazione civica», sottolinea il decano dell’opposizione ravennate, che chiude con quello che è per lui il significato politico della sentenza.

«Tenere le proprie strade in condizioni di sicurezza – termina infatti la nota di Ancisi – è il primo dovere dell’amministrazione comunale tra quelli che attengono alla viabilità urbana; i cittadini non dovrebbero essere costretti a caricarsi di lunghe e costose cause giudiziarie per vedersi riconosciute, almeno in parte, le proprie ragioni: in questo caso è stato rifiutata anche qualsiasi mediazione; non è giusto che, a fronte di ogni richiesta di riconoscimento di danni del genere, il Comune se ne lavi le mani, scaricando tutto sulla propria compagnia assicuratrice, che ha tutte le convenienze a trascinare i cittadini in Tribunale, essendo pochissimi quelli che se la sentono di arrivare a tanto. La copertura assicurativa di questo genere di rischi per il periodo maggio 2016/dicembre 2020, è pagata dai cittadini di Ravenna, a discarica della propria amministrazione comunale, con la somma di 301.531,94 euro al valore del 2016».

LA MUCCA VIOLA – BILLB MID1 11 – 25 11 19
RAVEGAN HOME BILLB 11 – 24 11 19
BRONSON TRANSMISSIONS BILLB MID2 16 – 23 11 19
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 19