Un libro e visite guidate per scoprire la simbologia dei cimiteri monumentali

A Ravenna la presentazione di un volume fotografico, a Lugo le guide del Fai illustrano gli spazi del camposanto

18 05 25 CimiteroI cimiteri monumentali con la loro architettura, la loro simbologia, la loro storia e la loro memoria sono al centro di alcune iniziative in programma nel primo weekend di giugno tra Ravenna e Bassa Romagna: si va dalla presentazione di un libro a visite guidate.

“Il cimitero monumentale di Ravenna, la città della nostalgia” è il titolo del libro fotografico delle Edizioni Moderna (158 pagine 30×30) che verrà presentato oggi, 31 maggio, alle 17.30 nella sala Dantesca della biblioteca Classense di Ravenna. Il volume è arricchito dalle foto di Enzo Pezzi e Massimo Fiorentini e contiene i saggi di Pietro Barberini e Cetty Muscolino che saranno presenti alla presentazione. «Si tratta di un’opera – afferma l’assessora alla Cultura, Elsa Signorino – che evidenzia l’importanza storica del Monumentale e ne documenta il rapporto di memoria con la città dal punto di vista collettivo e individuale in un dialogo continuo con il proprio passato e i propri cari scomparsi, siano essi personalità illustri o cittadini comuni. Tra l’altro quello dei cimiteri monumentali sta diventando un itinerario che riscuote sempre di più l’interesse di tutti coloro che vogliono comprendere a fondo l’anima culturale e identitaria delle città che visitano».

Nella Bassa Romagna invece la rassegna “Musei a cielo aperto. Cimiteri monumentali” continua sabato 2 e domenica 3 giugno a Lugo con visite guidate, incontri, letture, teatro e musica. La rassegna ha l’obiettivo di far conoscere i cimiteri locali per costruire una memoria diffusa e condivisa di un territorio attraverso la sua storia, la sua cultura e la sua arte.

Le iniziative in programma cominciano sabato 2 giugno alle 16 con “Francesco Baracca: le onoranze al campo”, letture di brani da quotidiani e periodici del giugno 1918, a cura di Mauro Antonellini e Paolo Gagliardi. Alle 16.30 Claudio Nostri legge brani del poeta futurista Alceo Folicaldi e alle 17 Eraldo Baldini parla di “Fantasmi e luoghi stregati di Romagna”. Alle 17.30 gli appuntamenti proseguono con l’iniziativa “Taccuino futurista. Il cenacolo lughese” con Daniele Serafini, mentre alle 18 Antonio Cortesi esegue la Suite numero 5 in do minore per violoncello solo di Johann Sebastian Bach. Domenica 3 giugno alle 9.30 e alle 9.50 sono in programma le visite guidate del Fai su Francesco Baracca e Gioachino Rossini, a cura degli aspiranti ciceroni Fai del liceo classico “Trisi-Graziani” di Lugo. Alle 10.15 tornano le letture di brani da quotidiani e periodici del giugno 1918, a cura di Mauro Antonellini e Paolo Gagliardi e alle 10.45 Antonio Curzi parla di “Storie lughesi dell’Ottocento”. Alle 11.30 spazio alla musica con Sara Granvillano al pianoforte e Piergiorgio Anzelmo al violoncello su musiche di Händel, Bach, Stradella e Rossini. Alle 15.30 e alle 15.50 tornano le visite guidate del Fai, mentre alle 16.15 è previsto il saluto dell’Amministrazione comunale. Alle 16.30 l’attore Franco Costantini si esibisce nel recital “L’aldilà”; alle 17 Gian Ruggero Manzoni parla di “Romagna alla garibaldina”, seguito alle 17.30 da Guido Facchini al piano su musiche di Gioachino Rossini. Infine, alle 18 il “Coro Casa della carità”, diretto da maestro Matteo Unich, esegue brani di Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini e Gioacchino Rossini. Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito. Il ritrovo degli appuntamenti è davanti all’ingresso dei rispettivi cimiteri.

RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21
CENTRALE LATTE CESENA BILLB 25 – 31 10 21
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 31 10 21