Per Natale a Ravenna torna il videomapping. Concerto di Capodanno solo a teatro

Mostre al Mar, al Museo Nazionale e in Classense, tornano le visite guidate

Visioni Eterno RavennaSarà una “stella” quest’anno a guidare un po’ tutti gli eventi in programma per il Natale, che avrà il sapore di un ritorno alla normalità, benché la pandemia da Covid-19 non sia ancora alle spalle.

“Segui tua stella”, questo è lo slogan scelto dall’amministrazione comunale, evidente omaggio ai mosaici ravennati, in primis quelli racchiusi nella volta del mausoleo di Galla Placidia, e alle parole usate da Dante Alighieri in Inferno, Purgatorio e Paradiso.
Un modo quindi di chiudere in bellezza l’anno dedicato alla celebrazione del VII centenario. «Ce l’abbiamo messa tutta per evitare un’edizione sottotono – spiegano Giacomo Costantini, Annagiulia Randi e Fabio Sbaraglia, rispettivamente assessori al Turismo, allo Sviluppo economico e alla Cultura – e, alla fine, il cartellone va oltre le migliori aspettative. Abbiamo voluto creare un’atmosfera natalizia che ci facesse sentire meno soli e che facesse venir voglia ai ravennati di trascorrerlo nella propria città, anziché guardare fuori».

Nei giorni scorsi, sono già state accese le luminarie nel centro storico, alcune delle quali con i versi danteschi più noti, mentre in piazza Kennedy bambini e ragazzi si divertono a pattinare sul ghiaccio nell’ampia pista. Un ruolo di primo piano è stato svolto dal Comitato Spasso in Ravenna che, oltre a occuparsi dell’illuminazione della città, promuove la rassegna “Natale sotto l’albero” in piazza del Popolo, dall’8 dicembre al 6 gennaio.
«Sarà un ricco programma di intrattenimento – spiega la Alessandra D’Imperio – per tutta la famiglia che coinvolgerà le scuole di musica, di ballo e gli artisti di strada della nostra città.
Da segnalare, in particolare, l’evento finale con le “Befane in Vespa” a cura del Vespa Club Romagna il 6 gennaio alle 15». Per la prima volta inoltre il Comitato promuove un’operazione a premi legata agli scontrini rilasciati nei negozi aderenti all’iniziativa.

Restando in piazza del Popolo, l’accensione dell’albero di Natale donato dal Comune di Andalo è prevista per sabato 4 dicembre alle 17.30, così come l’apertura dei 14 Capanni di Natale caratterizzati dal filone enogastronomico e della solidarietà. Rispetto al passato, però, non sarà più possibile brindare e assistere a concerti in piazza, per evitare assembramenti, ma una importante novità c’è. Ritorna infatti il concerto del primo dell’anno alle 18, al Teatro Alighieri, che vedrà protagonisti Emmanuel Djob & Gospel Reunion, con organizzazione a cura di “Christmas Soul”. I circa 700 posti gratuiti potranno essere prenotati a partire dal prossimo 15 dicembre.

In piazza San Francesco, i bambini e le famiglie saranno accolti dai volontari Advs nel tradizionale Villaggio del Natale in cui non mancheranno animazioni di vario genere, dolcetti, panettone e in brulé.
E da questa piazza sarà possibile ammirare il nuovo spettacolo di video mapping sulla facciata della basilica di San Francesco, a cura di Andrea Bernabini – Neo Visual Project, che riprende i 16 endecasillabi che illumineranno anche le vie Gordini, Diaz, Corrado Ricci, Mazzini, IV Novembre e Cavour.
Sulla facciata della basilica di San Vitale sarà riproposto invece l’apprezzato “Visioni d’eterno – Il dono dell’imperatrice”, seconda proposta della rassegna “Ravenna in luce” dal 18 dicembre al 9 gennaio.

Ben quattro le mostre in programma nel periodo natalizio. La più curiosa resta “Gli occhi e la mente. Un’epopea Pop”, a cura di Giuseppe Antonelli, allestita al Mar fino al 9 gennaio, che racconta la popolarità di Dante Alighieri e del suo poema. Una narrazione di parole, suoni e immagini, dal cinema alle canzoni, dalla pubblicità a fumetti, dal writing alla miriade di oggetti che riproducono la celebre icona del Poeta, fino alle visioni dell’arte contemporanea con nomi della scena internazionale.
Alla biblioteca Classense, fra il 17 e il 18 dicembre, inaugureranno poi “Il cammino dell’eroe: Dante, Alice e altri viaggiatori”, nel Corridoio Grande, a cura di Daniela Poggiali; e “Dante e Faruffini: il fascino del poeta su un pittore dell’800”, in Manica Lunga, a cura di Benedetto Gugliotta.
Al Museo Nazionale, invece, resterà aperta fino al 9 gennaio l’esposizione a cura di Emanuela Fiori “Al mio maestro piacque di mostrarmi. Gli artisti degli anni ’50 e i giovani della contemporaneità omaggiano Dante”.

Completano il ricchissimo cartellone, visite guidate, mercatini vari e i presepi allestisti nelle chiese e in altri luoghi della città.

Per il calendario completo www.turismo.ra.it per info e prenotazioni www.ravennaturismo.it e www.ravennaexperience.it

RISTORANTE MARRAKECH BILLBOARD 03 – 23 01 22
CONAD CONSEGNA A DOMICILIO BILLB 03 11 21 – 31 01 22
REGIONE ER VACCINI BILLB 14 12 21 – 31 01 22