197 – Ricami bizantini

Ricami BizantiniTra la Prima e la Seconda guerra mondiale, Ravenna vide il sorgere e lo svilupparsi della Bizantina Ars, un’arte che – come annotava Angelo Lo Rizzo nella prefazione al libro su Il ricamo bizantino curato da Carla Scarpellini per le Edizioni Essegi – «trae soggetti ed ispirazioni dai celebri mosaici ravennati del V e VI secolo e dai ricchi motivi geometrici degli altrettanto celebri capitelli e delle transenne, opere ove la scultura ha raggiunto altissimi livelli artistici ed effetti di trina marmorea, grazie ai contrasti chiaroscurali determinati dai pieni e dai vuoti. E la migliore riproduzione delle transenne e dei capitelli con le foglie d’acanto finemente dentellate è data proprio dalla Bizantina Ars».
A Ravenna sorse addirittura una scuola che prima della Seconda guerra mondiale ebbe la sede in via Tombesi dall’Ova e dopo il conflitto, alla sua riapertura nel 1947, in via Guaccimanni. In occasione del III Congresso Internazionale di Archeologia Cristiana, svoltosi a Ravenna dal 25 al 30 settembre 1932, la scuola Bizantina Ars realizzò una preziosa tovaglia, che riproduceva una transenna bizantina, per l’altare della Basilica di San Vitale. La tovaglia andava a ricoprire la lastra d’alabastro dell’altare, proprio quella mensa sulla quale il 29 settembre 1932 si celebrò il solenne Pontificale di chiusura del Congresso, presieduto dal cardinale Michele Lega, fratello di Antonio Lega, allora arcivescovo della chiesa ravennate.
La stampa dell’epoca non mancò di darne notizia!

UNIVERSO BILLB 27 06 – 03 07 22
MOSTRA ALLA NATURA PALAZZO SAN GIACOMO BILLB 17 06 – 25 09 22
RFM 2022 PUNTI DIFFUSIONE AZIENDE BILLB 16 06 – 21 07 22
CONAD CONSEGNA A DOMICILIO BILLB 03 11 21 – 31 12 22
CONSAR BILLB 01 – 10 07 22