Tra porti chiusi, aperti e bandiere della pace

È un periodo molto complicato, lo confesso. Tendenzialmente il Governo Movimento 5 Stelle-Lega mi fa schifo, come credo sia normale per una qualsiasi persona dotata di media intelligenza e tendenzialmente non razzista. Poi leggo i commenti su Facebook dei miei amici (molti dei quali in realtà neppure conosco, ovviamente) sull’analfabetismo funzionale (ormai diventato una bandiera che unisce tutto il centrosinistra al posto della tradizionale “superiorità morale” che poi in realtà è risultata non essere poi così accertata) e mi avvilisco.

Ma davvero volete far vedere a tutto il mondo (cioè ai vostri amici di Facebook) quanto vi rode il culo? Davvero non siete in grado di fare altro, con i vostri partitini, se non fare l’elenco di quanto faccia schifo il nuovo Governo e quanto siano ignoranti i loro elettori?
E poi eccolo, arriva il caso Aquarius: il ministro degli Interni Salvini si dimostra ancora una volta un politico fatto e finito – quasi un genio nel suo campo, bisognerà pure ammetterlo – chiude i porti e fa incazzare l’Europa (che però naturalmente non fa nulla, come sempre) giocando con la vita (anche se in realtà non è vero) di seicento migranti.

Ovviamente, per tornare all’inizio, questo suo cinismo, unito a una serie di infrazioni e merde pestate che in dieci giorni già non si contano, non può che farmi schifo e per una volta so, più o meno, da che parte stare.
Ma poi arrivano loro. Arrivano le BANDIERE DELLA PACE. Mio dio, le bandiere della pace, di nuovo. In Darsena viene organizzato un flash mob a cui partecipare solo con le bandiere della pace (che non strumentalizzano l’evento, loro) per ricordare a tutti i ravennati (immagino) che il porto di Ravenna è aperto per accogliere i migranti. Sì, come no. Già me l’immagino, i barconi che risalgono l’Adriatico fino a Ravenna, che magari all’ultimo fanno una deviazione verso la Croazia che il mare è più bello, lo sanno tutti.

Ma non è finita qui. Al flash mob partecipano anche il sindaco e i consiglieri di centrosinistra, mentre nel frattempo in consiglio comunale di fatto non vengono portati avanti i lavori previsti proprio a causa anche della loro assenza (non potevano non partecipare a un flash mob con le bandiere della pace, mi par di capire).

Ecco, poi per fortuna sono arrivati a loro volta gli insulti degli analfabeti funzionali (ops!) a riportarmi in una sorta di equilibrio mentale, che altrimenti quasi quasi andavo a iscrivermi a Forza Nuova.
Aiuto. Ho bisogno di molto aiuto. E di meno bandiere…

TORNERIA IN LEGNO CP BILLB TOP 30 01 – 29 02 2020
AGENZIA MARIS BILLB CP 25 02 – 31 03 20
RD CASA ANNUNCI – HOME LEAD BOTTOM 01 01 19 – 31 12 20