Ubriaca in ospedale dopo la disco, il Baccara: «Aveva bevuto prima di entrare»

La direzione del locale riporta le testimonianze raccolte dagli amici di una 17enne bolognese, ricorda che vengono serviti cocktail solo ai maggiorenni ma non esclude che qualche over 18 possa averle passato un drink

Cocktail Alcol«Dalle testimonianze fornite dagli amici della ragazza ai nostri addetti alla sicurezza e al padre stesso della giovane soccorsa, sarebbe emerso che, la ragazza avrebbe bevuto subito prima di entrare nel locale, tanto che all’ingresso non aveva ancora manifestato i sintomi classici di un abuso di sostanze alcoliche». È la precisazione della direzione della discoteca Baccara di Lugo a proposito del caso di una 17enne bolognese soccorsa nel locale e finita all’ospedale con una pesante intossicazione da alcol (aveva un tasso alcolemico di 2 grammi per litro che equivale al quadruplo del limite consentito per la guida). «Ovviamente – continuano dal Baccara – all’interno del locale è impossibile per gli addetti alla sicurezza sapere se, per esempio, un amico maggiorenne abbia preso da bere e poi l’abbia passato alla ragazza, come purtroppo accade spesso, per aggirare i nostri controlli. Aspettiamo gli esiti delle indagini dei carabinieri e siamo disponibili alla massima collaborazione per appurare l’esatta dinamica dei fatti».

I vertici della disco ci tengono a sottolineare che vengono chiesti i documenti d’identità a tutti i clienti del locale, «autorizzando l’ingresso soltanto a chi ha compiuto almeno 16 anni e fornendo a tutti i maggiorenni un braccialetto riconoscitivo per consumare bevande alcoliche in modo da agevolare il lavoro ed il controllo supplementare dei nostri baristi». La gestione del club ricordano che i soccorsi del 118 sono stati allertati dagli addetti alla sicurezza poco prima delle 2.

FAMILA MRT3 02 – 08 04 20

La direzione si propone per fare la propria parte, come sentinelle sociali del mondo giovanile, collaborando con  le realtà della nostra comunità: scuole, famiglie, Istituzioni, forze dell’ordine, Ausl. «Ci piacerebbe sottoscrivere un patto per il divertimento sano e per affrontare queste problematiche sociali senza demonizzare i luoghi di divertimento ed aggregazione, nè generalizzando o rappresentando i giovani come dediti allo sballo, perché così non è; ma affrontando in modo coordinato e preventivo questi fenomeni sociali».

RADIS DISINFESTAZIONE BILLB 20 03 – 30 04 20
AGENZIA MARIS BILLB CP 25 02 03 – 30 04 20
IDEA CASA BILLB MID2 01 – 14 04 20
SCOR ASTASY BILLB MID2 02 03 – 30 04 20
STUDIO EFFE BILLB 19 03 – 19 04 20
COFARI HOME LEAD BOTTOM 30 03 – 12 04 20