Covid dentro Oncologia, Ancisi (Lpr): «24 casi tra il personale e 5 pazienti morti»

Il reparto è stato riaperto dopo la chiusura per la gravità del focolaio. Il consigliere comunale di opposizione chiede all’Ausl un’indagine interna e al sindaco di riferire in consiglio

Foto DonazioneNel reparto di Oncologia dell’ospedale di Ravenna sono stati 24 i casi di contagio da coronavirus tra il personale e 16 tra i degenti, di questi ultimi cinque sono morti. Il dato è stato diffuso da Alvaro Ancisi, consigliere comunale di Lista per Ravenna, che ora chiede all’Ausl di avviare un’indagine interna sulle cause del focolaio e chiede al sindaco, quale presidente della conferenza socio-sanitaria dell’Ausl Romagna, di riferirne, tramite il consiglio comunale, alla città, «rimasta attonita davanti al precipizio della propria oncologia e alla sua troppo lunga chiusura, fonte di ulteriori disagi ai pazienti affetti da dolenti patologie».

Per quanto riguarda il personale, il virus ha toccato 7 medici (tra l’oncologia e la collegata ematologia), 13 infermieri, 3 operatori socio-sanitari (Oss) e un fisioterapista nel reparto di degenza. Alcune organizzazioni sindacali hanno richiamato l’attenzione delle autorità aziendali su quanto è avvenuto a fronte dell’emergenza scatenata dalla rapida diffusione del Covid-19: «Una situazione senza controllo, unica per gravità nel Santa Maria delle Croci e nell’intera Ausl Romagna», afferma Ancisi.

CONAD NATURAL SALUMI MRT2 28 09 – 31 01 21

Il decano dell’opposizione, che si rifà anche alle ricostruzioni dei sindacati, vuole sapere se ci sono state sottovalutazioni, incuria, carenze, omissioni, pecche, sui fronti della prevenzione sanitaria e della sicurezza sul lavoro, a danno dei degenti, dei visitatori e del personale. «È stata adottata la procedura che abitualmente fa seguito ad un evento pernicioso per ricercarne le cause e adottare protocolli capaci di evitarne il ripetersi?».

La Cgil ha chiamato in causa il primario per la sua gestione. «In effetti – osserva Ancisi – al primario-direttore competono, oltre all’esercizio delle specifiche competenze professionali, funzioni di direzione del personale e di organizzazione della struttura, mediante linee di indirizzo e direttive da porre in atto, l’adozione di protocolli operativi, l’assunzione tempestiva delle dovute decisioni. L’esser forse mancato tutto ciò potrebbe spiegare perché l’oncologia si sia mostrata impreparata e indifesa di fronte all’aggressione virale, fino a doversene imporre la serrata».

CONSAR BILLB 07 – 24 01 21
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 31 01 21
RECLAM RPQ WEB MASTER BILLB 15 – 31 01 21
COFARI HOME LEAD 14 12 20 – 31 01 21