Dipinti, chine e acquarelli: la più ampia mostra di Giulio Ruffini a Palazzo Rasponi

Ruffini

È stata inaugurata a palazzo Rasponi dalle Teste, in piazza Kennedy a Ravenna, alla presenza tra gli altri del sindaco Michele de Pascale e dell’assessora alla Cultura Elsa Signorino, la mostra “Giulio Ruffini da collezione” (visitabile fino al 2 luglio).

CONAD VINI PETER ZEMMER MRT 17 – 28 02 21

È la prima grande esposizione dedicata da Ravenna al celebre artista a quasi sei anni dalla scomparsa; scaturita dalla volontà del collezionista Primo Zambrini e della moglie Maria di effettuare una ulteriore donazione alla città di Ravenna di opere di Ruffini e di altri autori, facenti parte della raccolta intitolata al figlio Luca, scomparso in età giovanile.

Alle collezioni comunali del Museo d’Arte della Città di Ravenna sono già pervenuti un nucleo di ben 265 acqueforti del maestro oltre a tre dipinti esposti anch’essi nella mostra che sarà inaugurata venerdì (“Triste presagio” del 1967/69 e due nature morte facenti parte del celebre ciclo sulla “Scomparsa della Romagna” degli anni ’80) unitamente ad opere di altri artisti italiani.

Nella mostra “Giulio Ruffini da collezione” figureranno 38 dipinti di Giulio Ruffini tra i quali alcune tele di grande formato ed altamente rappresentative sul piano stilistico del lungo e mutevole percorso creativo del pittore ravennate, come ad esempio “Anche i bambini”, noto anche come “La fucilazione” del 1955, “Lo spaventapasseri” e “Italia allo specchio” degli anni ‘60 e ’70. Numerose sono le opere mai prima esposte al pubblico. In esposizione anche una selezione di opere grafiche, disegni a china e ad acquarello.

SPI CGIL CAMPAGNA TESSERAMENTO BILLB 01 02 – 07 03 2020
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 28 02 21
RECLAM RPQ WEB MASTER BILLB 15 01 – 28 02 21