Romagna Acque approva il bilancio: 6,2 milioni di utile (70 percento a dividendo)

Nel corso del 2016 sono stati forniti 111 milioni di metri cubi e gli investimenti sono stati 11,9 milioni di euro

L’assemblea dei soci di Romagna Acque – la società per azioni a capitale totalmente pubblico vincolato proprietaria di tutte le fonti idropotabili per usi civili della Romagna che gestisce la produzione all’ingrosso della risorsa per i territori – ha approvato stamani all’unanimità il bilancio 2016. L’approvazione è arrivata durante la riunione svoltasi all’hotel Globus di Forlì. Questi alcuni numeri dell’azienda e della sua attività: nel corso del 2016 sono stati forniti 111 milioni di metri cubi d’acqua, il valore della produzione è stato pari a 55 milioni di euro con un utile netto di 6,2 milioni euro (69,7 percento destinato a dividendo), il valore delle singole azioni è fissato in 6 euro, gli investimenti complessivi nel corso del 2016 sono stati di circa 11,9 milioni di euro (l’anno precedente erano stati 20 milioni). Per quanto riguarda le tariffe, nella nota stampa inviata ai giornali si legge che «si segnala il recepimento delle rinunce tariffarie proposte da Atersir e accettate da Romagna Acque, per circa 24,4 milioni nel periodo regolatorio 2016-2019, di cui 15,8 milioni con effetti diretti sui conti economici».

RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21
ORIGINAL PARQUET BILLB MID FISSO 18 – 24 10 21
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 31 10 21