Due architetti ravennati vincono il bando per riqualificare porti e aree portuali

Adele Fiorani e Giovanni Mecozzi vincono il concorso d’idee del Flag per la Costa emiliano romagnola nelle categorie “isole ecologiche” ed “elementi identitari”. La premiazione il 19 settembre al museo della marineria di Cesenatico

Cof

Adele Fiorani

Nel 1958 sorgeva a Cesenatico il secondo grattacielo della costa romagnola, il Marinella II, che stupì l’Italia del boom economico con la sua vertiginosa altezza affacciata sulla spiaggia della città, rappresentando un elemento identitario della Riviera, inaugurato a Milano Marittima e emulato a Rimini. Esattamente sessant’anni dopo Cesenatico ospiterà un workshop durante il quale sono stati presentati i quattro progetti vincitori del concorso di idee per la riqualificazione di porti ed aree portuali delle principali marinerie dell’Emilia-Romagna.

Il bando, pubblicato nello scorso mese di aprile, è stato promosso dal Flag (Fishery Local Action Group) Costa dell’Emilia-Romagna, in linea con uno degli obiettivi strategici previsti dal Piano di Azione, come sottolinea Lorenzo Marchesini, ovvero – prosegue il Presidente del Gruppo di Azione Locale – «con la qualificazione dei luoghi di pesca e acquacoltura attraverso l’individuazione di elementi identitari che, da un lato, evidenzino un filo conduttore per l’intera area costiera ma, nel contempo, salvaguardino le specificità delle marinerie» nei 130 chilometri di costa che vanno da Goro a Cattolica, passando per Porto Garibaldi, Marina di Ravenna, Cervia, Cesenatico, Bellaria, Rimini, Riccione e Misano Adriatico.
Le dodici proposte pervenute sono state distribuite un quattro distinte categorie: punti vendita diretta nelle banchine, punti di ristorazione mobili per il pescato, isole ecologiche per la raccolta e gestione dei rifiuti del mare e, infine elementi artistici identitari capaci di unificare l’immagine delle marinerie preservandone le singole peculiarità.

Le idee prime classificate saranno illustrate all’interno del Museo della Marineria da Claudia Pescosolido (Bologna) con il progetto Fluctuo. Il mercato sull’acqua per la categoria “punti vendita”, Michele Bondanelli (Argenta) con il progetto Fishstop per la categoria “punti di ristoro” e dai ravennati Adele Fiorani e Giovanni Mecozzi, rispettivamente, con i progetti Isola ecologica come oasi di educazione ambientale per la categoria “isole ecologiche” e il progetto Mettiamoci in rete per la categoria “elementi identitari”, realizzati il primo con la collaborazione di Paolo Gueltrini, Sara Navacchia, Raffaella Lombardi e Francesco Pinosa, il secondo con Angelo Ciccolo e Gianluca Bonini.

GiovanniMecozzi

Giovanni Mecozzi

Adele Fiorani e Giovanni Mecozzi, lei trentanovenne laureata all’Università di Ferrara con tesi su “Ravenna: dal paesaggio industriale al paesaggio vallivo: ripercorrere l’acqua” e master in scienze e progettazione del paesaggio e dell’ambiente alla Facoltà di Architettura di Cesena dell’Università di Bologna e lui progettista architettonico e di interior design anch’egli laureato all’Ateneo ferrarese, in collaborazione con l’Università di Granada, discutendo una tesi su “Paesaggi culturali perduti: le Mura Nazarì e gli orti della Alberzana di Granada”. I due saranno premiati mercoledì 19 settembre al Museo della Marineria di Cesenatico, assieme agli vincitori del bando.

«Le varie proposte progettuali, oltre a un premio di 13.500 euro ciascuna, saranno messe a disposizione degli enti locali dell’area di riferimento – conclude Marchesini – nella speranza che possano costituire un’utile punto di partenza per rendere concreta una “progettualità condivisa” anche grazie alla previsione di un bando Flag destinato specificatamente agli enti pubblici per la realizzazione di “progetti-pilota”» per il supporto di un settore, quello della pesca e dell’itticoltura, che mescola turismo, attività produttiva e tradizioni secolari della costa».

WIND BILLB MID1 01 – 24 08 20
CONAD APERTI BILLB 22 03 -31 08 20
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20