La transizione digitale della logistica in un nuovo corso di alta formazione

Alla sede di Ravenna dell’Università di Bologna si amplia l’offerta formativa sulla tematica portuale con un corso di alta formazione incentrato sulla transizione digitale nella logistica. Iscrizioni entro il 18 ottobre

Nave Ucraina Porto Canale

La nave Rojen entra nel porto canale

La proposta universitaria di Ravenna dedicata alla tematica portuale si arricchisce di un nuovo corso di alta formazione (Caf) incentrato sulla transizione digitale nella logistica portuale. Il nuovo percorso è organizzato dal Dicam, il dipartimento di ingegneria civile, chimica ambientale e dei materiali, in collaborazione con l’Istituto sui Trasporti e la Logistica (Itl) e l’Università di Genova, e con il supporto di Fondazione Flaminia. La durata del corso è semestrale, il costo è 2.500 euro, le iscrizioni scadono il 18 ottobre.

La novità amplia l’offerta che già contava la consolidata presenza del master in Diritto penale dell’impresa e dell’economia “Filippo Sgubbi” che quest’anno giunge alla decima edizione, e del master in Diritto marittimo, portuale e della logistica che è giunto alla sesta edizione.

Il nuovo corso raccoglie le nuove sfide che gli scenari internazionali impongono ai nostri porti, prime fra tutte quelle della digitalizzazione e della logistica in ambito portuale. Integra, infatti, competenze economico-gestionali legate ai processi logistico-portuali con competenze relative alla transizione digitale dei sistemi marittimo-portuali. Risponde alle esigenze degli operatori che svolgono attività nell’ambito della logistica portuale e che considerano le competenze digitali nella gestione dei processi un requisito prioritario per garantire e incrementare la propria competitività nel contesto internazionale.

Il profilo professionale che verrà formato è di interesse per imprese portuali (terminalisti portuali), autorità portuali, intermediari (agenti, spedizionieri…), piccole e medie imprese coinvolte nell’indotto relativo al funzionamento dei porti.

Più legate a un ambito giuridico, ma sempre proiettate a raccogliere le mutate esigenze della nuova portualità italiana e delle imprese a essa collegate, sono le altre proposte formative universitarie presenti a Ravenna: i master in Diritto penale, dell’impresa e dell’economia ‘Filippo Sgubbi’, e in Diritto marittimo, portuale e della logistica.

Il master in Diritto penale dell’impresa e dell’economia ‘Filippo Sgubbi’ a Ravenna

L’obiettivo è formare specialisti nel settore professionale e aziendale del diritto penale economico sia attraverso l’approfondimento rigoroso degli orientamenti dottrinali e giurisprudenziali sia mediante l’analisi e il confronto di casi concreti. Il livello di formazione offerto dal corso consente sia l’inserimento nell’impresa nei ruoli apicali sia l’attività di consulenza esterna nei servizi giuridici a favore dell’impresa. Le lezioni del master “in azienda”, anche mediante piattaforma online, consentono agli iscritti di interagire con manager e dirigenti nelle strutture d’impresa. Scadenza iscrizioni 19 gennaio 2024.

Il master in Diritto marittimo, portuale e della logistica

L’obiettivo è formare figure professionali specializzate nei settori dei trasporti marittimi, della portualità e della logistica, intesi come settori strategici per la competitività delle imprese e dunque per lo sviluppo economico del territorio non solo locale, ma anche nazionale. Il percorso formativo si caratterizza per una forte strutturazione didattica centrata principalmente sull’approfondimento rigoroso degli istituti giuridici di riferimento, attraverso anche l’analisi degli orientamenti dottrinali e giurisprudenziali, nonché sull’introduzione ed il confronto delle varie esperienze del settore, attraverso lo studio di casi concreti e lo svolgimento di seminari. Scadenza iscrizioni 18 gennaio 2024.

CGIL BILLB TESSERAMENTO 01 – 10 03 24
CONSAR BILLB 01 – 10 03 24
CONAD INSTAGRAM BILLB 01 01 – 31 12 24