Rete Civica: «Perché la Regione non entra in possesso dell’oasi Boscoforte?»

Interpellanza in consiglio regionale dal consigliere Mastacchi. La cessione gratuita non si sarebbe mai perfezionata per la mancata approvazione del protocollo da parte della giunta

ItineRA Boscoforte1Il consigliere regionale Marco Mastacchi (Rete Civica Progetto Emilia-Romagna) ha presentato un’interpellanza in merito all’acquisizione da parte della Regione della penisola di Boscoforte, nei territori del Delta del Po, nei pressi di Sant’Alberto. Un protocollo di intesa firmato nel 2008 fra la Regione e il privato che ne è in possesso prevedeva la cessione gratuita ma questa non si sarebbe mai perfezionata per la mancata approvazione del protocollo da parte della giunta regionale.

Boscoforte è una penisola valliva, al confine tra Argenta, Comacchio e Ravenna. È una zona umida unica a livello nazionale ed europeo, sia per rilevanza ambientale che per potenzialità turistica, la penisola di Boscoforte richiama un’avifauna particolarmente ricca, è luogo privilegiato per la sosta e la nidificazione di numerose specie e vede esemplari di cavalli Delta/Camargue allo stato brado scorazzare tra essenze vegetali e arboree di svariate famiglie.

Oggetto di contenziosi pluriennali tra vari soggetti pubblici e la proprietà, è una penisola caratterizzata da una notevole varietà di ambienti legati alla contemporanea presenza di acqua dolce e di acqua salmastra con canneti, salicorneti, barene, dossi sabbiosi e canali. Nel 1962 viene recintata da un privato, fatto che apre a un contenzioso ultradecennale. Nel 2008 un protocollo d’intesa tra la Regione Emilia Romagna, il Parco del Delta, le Province di Ferrara e di Ravenna, il Comune di Comacchio e la Società Bonifica Valli Meridionali di Comacchio prevede oltre la cessione al demanio regionale della penisola anche numerose iniziative volte a garantire la gestione complessiva del sistema idraulico. Già una risoluzione a firma di diversi consiglieri della Giunta aveva chiesto l’impegno della Regione ad acquisire la disponibilità della Penisola di Boscoforte.

L’atto ispettivo di Mastacchi mira a definire se esista un’intesa siglata dalla Regione Emilia Romagna nel 2008 e quali siano i motivi che ne ostacolano l’approvazione, considerato che l’acquisizione nella disponibilità della Regione Emilia-Romagna della Penisola di Boscoforte costituirebbe un’occasione importante per lo sviluppo economico-turistico per i territori del Delta del Po. In seconda battuta Mastacchi chiede anche se è intenzione della nostra Regione procedere in tempi brevi con l’acquisizione della penisola, considerato che la proprietà ha espresso in più occasioni la volontà di cederla alla Regione Emilia-Romagna.

CGIL BILLB MANIFESTAZIONE 8 OTTOBRE 29 09 – 06 10 22
LEGACOOP PROGETTO DARE BILLB VOTA 01 – 08 10 22
HOT RAMEN BILLB 03 – 09 10 22
CONAD CONSEGNA A DOMICILIO BILLB 03 11 21 – 31 12 22
ASER LEAD BOTTOM 01 09 – 31 12 22