Gli ambientalisti organizzano un presidio contro l’Omc: «Serve una vera alternativa»

Il 24 ottobre appuntamento al Pala De André. In programma anche un convegno scientifico

Image4

Per manifestare il proprio dissenso contro l’Omc, negli stessi giorni in cui la manifestazione dell’energia si svolgerà a Ravenna, il coordinamento ravennate “Per il Clima – Fuori dal Fossile”, il gruppo Energia per l’Italia, la Rete Emergenza Climatica e Ambientale dell’ Emilia Romagna e la Rete No Rigassificatori No Gnl, organizzano dal 24 al 27 ottobre un presidio (la mattina del 24 davanti al Pala De André) e nei giorni successivi un convegno di approfondimento scientifico con il coinvolgimento di personalità scientifiche e dell’attivismo climatico.

Cliccando qui è possibile consultare il programma giorno per giorno delle iniziative degli ambientalisti

«Sappiamo bene che gli orientamenti delle imprese che fanno capo a questo vertice e di gran parte degli esponenti politici e istituzionali nazionali, regionali e ravennati considerano come transizione ciò che in realtà continuerà a coincidere con il ricorso alle fonti fossili ed alla loro espansione, dall’approvvigionamento al trasporto, alla distribuzione e all’utilizzo», scrivono gli ambientalisti in una nota inviata alla stampa.

Le associazioni accusa Omc e le aziende che vi gravitano a ricercare «ogni possibile strumento per fare sempre più profitti sulle fonti energetiche. Che cosa tutto ciò abbia a che vedere con il concetto di transizione ecologica, o anche solo energetica, non è affatto facile capire. Non crediamo, per esempio, che qualcuno dei partecipanti alla kermesse vorrà proporre lo stop ai sussidi che sostengono le fonti fossili, o una decisa azione affinché si arrivi presto allo sblocco degli ostacoli burocratico-amministrativi che continuano a mettere i bastoni fra le ruote allo sviluppo delle rinnovabili. Così come prevediamo, senza timore di smentita, che nessuno oserà sostenere che gli enti deputati a occuparsi di energia debbano essere spostati dall’ambito del profitto a quello dei beni comuni, e quindi essere messi in discussione per come sono adesso. Tantomeno ci sarà qualche imprenditore illuminato, o qualche politico influente, che si azzardi a proporre una moratoria sulla miriade di nuove realizzazioni previste (dai rigassificatori, al potenziamento degli impianti di trivellazione ai nuovi gasdotti, finalizzati a portare sempre più gas a soffocare il nostro Paese) e promuovere invece un modello realmente alternativo, infinitamente più pulito, più innovativo e molto più promettente, anche in termini di sviluppo di competenze e ricadute occupazionali».

Secondo gli ambientalisti, infine, «non si tratta solo di temi in senso stretto ambientali, che pure rivestono una vitale importanza, ma di uno sguardo generale e di attenzione agli aspetti geopolitici. Come dimostra la situazione tragica in atto in tante parti del mondo, i conflitti armati distruttivi di vite e beni, e causa di migrazioni epocali, disperazione e veri e propri olocausti, sono strettamente legati alla feroce contesa per il dominio sulle risorse energetiche».

EROSANTEROS POLIS BILLBOARD 15 04 – 12 05 24
NATURASI BILLB SEMI CECI FAGIOLI 19 – 28 04 24
CONAD INSTAGRAM BILLB 01 01 – 31 12 24