Un weekend senza gioie per Infinity Bio, Orva e (ma con un “giallo”) Rekico

Basket / Nella terza giornata di Serie B maschile cadono a Palermo i faentini, che però fanno ricorso per un presunto errore degli addetti al tavolo, e a Crema i lughesi. In A2 femminile non c’è storia senza Ballardini: netto ko casalingo contro La Spezia

SERIE B MASCHILE

Palermo-Faenza 85-83
(25-22, 38-43, 61-63)
GREEN BASKET PALERMO: Gullo 9, Nicosia, Vitale ne, Biondo 2, Lombardo G. 17, Tabbi 8, Trevisano 2, Genovese ne, Marchini 9, Lombardi A. 10, Venturelli 28. All.: Verderosa.
REKICO FAENZA: Aromando 10, Samorì ne, Perin 16, Silimbani 8, Benedetti, Venucci 17, Iattoni 7, Pagani 6, Milosevic ne, Chiappelli 15, Brighi 4. All.: Regazzi.
ARBITRI: Barilani e Silvestri
NOTE – Usciti per cinque falli Perin e Silimbani.

Mattia Venucci

Il play della Rekico Mattia Venucci

Termina con un “giallo” la trasferta della Rekico a Palermo. I faentini perdono 85-83 sul campo del Green Basket, ma a fine gara la dirigenza presenta ricorso per un presunto errore degli addetti al tavolo che ha condizionato il finale. Questi i fatti: a 7’77’ Marchini fallisce entrambi i liberi sull’84-83 per i siciliani e la Rekico chiama time out. L’accompagnatore della Rekico chiede agli addetti al tavolo il tempo mancante alla fine della gara, visto che il tabellone non presentava i centesimi di secondo come da regolamento ed era di difficile lettura. Gli addetti al tavolo dice 0’77 secondi e non 7’7 secondi comunicandolo anche agli arbitri. Faenza rimette così il pallone che finisce nelle mani di Silimbani, che spara il tiro della disperazione da metà campo leggendo pure lui come tutto il PalaMangano, il tabellone in maniera errata, supportato poi dalla pronuncia degli addetti al tavolo. Le proteste dei giocatori di Faenza non fanno cambiare idea agli arbitri e così il Green Basket chiude i conti.

Passando al resto del match, la Rekico non chiude i conti nel terzo quarto sul vantaggio di 45-56, subendo nel giro di poche azioni una tripla di Marchini e un gioco da quattro punti (tripla + libero) di Venturelli, autore di 28 punti. Nel finale il Green Basket prende l’inerzia e mantiene qualche punto di vantaggio, ma nonostante tutto la Rekico riapre il match con le triple di Perin e Venucci arrivando nel concitato finale sotto 85-83 e con la palla in mano. Poi il discusso finale.

Crema-Lugo 71-58
(28-14, 42-25, 59-42)
PALLACANESTRO CREMA: Dagnello 21, Peroni 10, Del Sorbo 5, Ciaramella, Poggi 4, Paolin 17, Ferraro 6, Molteni 5, Amanti 3, Fugazzola ne, Benzi ne, Gazzillo ne. All.: Salieri.
ORVA LUGO: Valentini 6, Seravalli 3, Moretti 4, Stanzani 1, Filippini 6, Thiam 5, Rubbini, Tynsley 9, Galassi 8, Gatto 9, Campori 7, Collina ne. All.: Galetti.

Non decolla l’Orva lontano dalle mura amiche, fermata per 71 a 58 al Palacremonesi contro Crema che ha condotto sempre la gara con autorità. Partenza in sordina per la formazione di coach Galetti, con Dagnello e Paolin che ne approfittano per portare il vantaggio dei padroni di casa in doppia cifra con Amanti, che firma il +16 (23-7) dopo solo 7’30” di un primo quarto che Crema chiuderà avanti per 28 a 14. Nel secondo periodo è sempre la formazione di coach Salieri a fare la partita, con gli Aviators costretti a inseguire i lombardi, scappati sino sul +20 (42-22) a 4’ dal termine, che chiudono in vantaggio per 42-25 all’intervallo lungo.

Dopo l’intervallo lungo gli Aviators rientrano in campo con maggiore determinazione e riescono a portarsi sino sul -11 (46-35), prima del nuovo allungo di Crema firmato da due triple consecutive di Peroni (52-35), con i lombardi che chiudono sul 59-42 in proprio favore la terza frazione di gioco. Gli ultimi dieci minuti di gara vedono Crema gestire con autorità il proprio vantaggio, con l’Orva che riesce solo a ridurre in modo parziale il gap nei minuti finali, con il suono finale della sirena che sancisce il meritato successo cremasco per 71-58.

Risultati (terza giornata): Tigers Forlì-Gimar Basket Lecco 78-68, Gordon Nuova Pall. Olginate-Tramarossa Vicenza 82-85, Bakery Piacenza-Iseo Serrature Costa Volpino 82-76, NTS Informatica Rimini-Virtus Padova 69-66, Green Basket Palermo-Rekico Faenza 85-83, Pallacanestro Crema-Orva Lugo 71-58, Bmr Basket 2000 Reggio Emilia-Lissone Interni Bernareggio 61-69, Baltur Cento-Pallacanestro Aurora Desio 76-65.

Classifica: Crema, Vicenza e Cento 6 punti; Rimini, Piacenza, Padova, Bernareggio e Forlì 4; Olginate, Lugo, Lecco, Palermo e Faenza 2; Desio, Costa Volpino e Reggio Emilia 0.

SERIE A2 FEMMINILE

Faenza-La Spezia 37-76
(11-10, 19-36, 29-55)
INFINITY BIO FAENZA: Franceschelli 11, Schwienbacher 10, Coraducci 2, L. Morsiani 6, Tridello 1, Ballardini ne, Caccoli, Manaresi ne, Moriconi, Soglia 7, D. Morsiani, Minichino. All.: Bassi.
CARISPEZIA LA SPEZIA: Da Silva 12, Lucca 8, Gentle ne, Corradino 8, Templari 15, Mazza ne, Tosi, Linguaglossa 12, Cadoni 14, Innocenzi 2, Giuseppone 2, Olajide, Stoichkova 3. All.: Corsolini.

Orfana di capitan Ballardini, in panchina infortunata, la Infinity Bio si inchina in casa alla Carispezia, che espugna il campo delle faentine senza grossi affanni, totalizzando più del doppio dei punti. L’equilibrio c’è solo nella prima frazione, poi sul parquet si vedono solo le liguri, alla prima vittoria stagionale. Partenza a rilento per entrambe le compagini: pochi canestri e a metà quarto si è solo 4-6 per le spezzine, con Templari a segnare tutti i punti delle bianconere. Per Faenza, Soglia trascina le locali sull’11-8, prima che Linguaglossa infili il canestro dell’11-10 di fine prima frazione.

Alla ripartenza c’è tutta un’altra Carispezia in campo, che piazza un parziale di 12-0, portandosi sull’11-22. L’Infinity Bio prova a ricucire con Schwienbacher, ma sono sei punti consecutivi di Lavinia Da Silva a incrementare il vantaggio ospite, col 19-36 dell’intervallo lungo. Nella ripresa è sempre la Carispezia a tenere il pallino del gioco, allungando a +18 sul 23-51. Franceschelli e Schwienbacher provano provano a riavvicinare le romagnole con un parziale di 5-0, ma vengono ricacciate indietro dai canestri di Da Silva e Cadoni, per il 29-55 di fine terzo quarto. L’ultima frazione vede la Carispezia incrementare il proprio vantaggio e chiudere 37-76.

Risultati (terza giornata): Tigers Rosa Libertas Forlì-Surgical Virtus Cagliari 63-60, Pall. Femm. Umbertide-Andros Basket Palermo 53-69, Progresso Femm. Bologna-Ceprini Costruzioni Orvieto 81-42, La Molisana Campobasso-Mercede Alghero 77-58, Infinity Bio Faenza-Carispezia Cestistica Spezzina 37-76, Rosa Scotti Empoli-San Raffaele Roma 69-65, RR Retail Galli S.G.Valdarno-Cestistica Savonese 82-68. Riposa: Infa Feba Civitanova M.

Classifica: S. G. Valdarno, Bologna e Palermo 6 punti; Empoli*, Orvieto e Campobasso 4; Civitanova M.*, Forlì*, Spezzina, Roma, Umbertide e Faenza 2; Savonese, Cagliari e Alghero 0 (* una gara in meno).

RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21
ORIGINAL PARQUET BILLB MID FISSO 18 – 24 10 21
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 31 10 21