108 – Guida di Ravenna e altre passeggiate interrotte

Guida Ravenna VicariÈ certamente singolare la Guida di Ravenna e altre passeggiate interrotte scritta da Giambattista Vicari ed edita nel 1934, un libro, come l’autore stesso dichiara, «dedicato ai ravennati che non sanno né vogliono sapere la storia di Galla Placidia, ai forestieri che non fanno la metodica visita ai monumenti, a tutti coloro insomma che non cercano il volto e l’anima della città in un preordinato itinerario, ma attendono che questa voce parli, fatta solo per chi la sappia intendere».
Merita attenzione la spiegazione del titolo «fatto per attrarre i turisti inglesi che sanno l’italiano e gli italiani che non sanno l’inglese» e della dedica «fatta per scusare il titolo»; a questi segue una premessa nella quale l’autore dichiara che «Tutta la Romagna è il paese dell’anima mia». Certamente poco graditi dal Vicari i luoghi comuni troppo spesso usati per descrivere Ravenna: «Esiste una corrente prevalente di persone – che Santo Apollinare le chiami presto tra i beati – che considerano Ravenna una città morta, la quale non ha che la bellezza di una certosa monumentale adatta solo per le persone statiche e contemplative […]. È passata la stagione delle odi all’aria malarica; e il solitario adoratore dei ruderi non piange nell’ombra la tisica nostalgia di sprofondare sé e la città in un sogno di morte».
Ah, la Guida non parla solo di Ravenna, ma anche di Classe, un «paese per uomini in prova o delle decisioni indecise», del piano regolatore di Cervia e di Mezzano, un «giovinetto precoce».

ESP AREA PLUS – HOME BILLB MID FISSO 22 11 – 08 12 21
CONAD CONSEGNA A DOMICILIO BILLB 03 – 31 12 21
RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21