Dall’Amerigo Vespucci al mercato coperto

Segnalazioni sparse.
– In settemila sulla banchina del terminal crociere di Porto Corsini. Finalmente saranno tornati i crocieristi, penso io. E invece no, era gente che ha fatto la fila per ore per poter salire sull’Amerigo Vespucci. E dire che bastava aspettare le foto.

– In cinquemila, invece, hanno partecipato alla rievocazione storica della legione romana. E la fondazione Ravennantica ha potuto tirare un sospiro di sollievo: finalmente un’iniziativa legata al nuovo museo di Classe popolare, adatta a tutti e soprattutto senza nessuna polemica. E invece no (vedi la prossima).

– Le donne della Casa delle donne di Ravenna hanno piantato un altro paletto nella loro valorosa battaglia contro il sessismo scagliandosi contro la rievocazione militare (di cui sopra) sottolineando in una lettera inviata alla stampa la connessione tra militarismo e sessismo «ambedue basati sulla violenza del sistema patriarcale ancora dominante». Applausi a scena aperta tra i ravennati che ora saranno sicuramente più attenti a non accentuare il sistema patriarcale ancora dominante.

– Non ci sono più preti, o quelli che ci sono stanno male, e così a Ravenna chiudono le chiese (sul serio eh). Propongo il commissariamento da parte del Comune e un bando per trasformarle in un grande “contenitore enogastronomico”, come va di moda oggi.

– A proposito, per la trecentosettantasettesima volta ho letto su giornali e/o siti di informazione locale il titolo “slitta ancora l’apertura del mercato coperto”. E tutte le volte penso a quanto è divertente voler “aprire” un qualcosa di “coperto”. Capito? Così, scusate, mi fa ridere. E poi così non penso al fatto che il nuovo mercato coperto avrebbe dovuto inaugurare nel 2011, o qualcosa del genere.

– Prime multe per chi è stato sorpreso a bere fuori dalla discoteca di Porto Fuori dove si può essere multati anche con una Coca-Cola in lattina in mano secondo la nuova ordinanza del sindaco che zitto zitto sta seguendo le orme del suo predecessore-sceriffo e che di fatto questa estate aveva pure anticipato Salvini che ha fatto scalpore in questi giorni con l’annuncio della sua personale guerra ai negozi etnici, che vuole far chiudere alle 21. De Pascale, praticamente, lo ha già fatto. Olè.

ARKA ERGO STUDIO BILLB TOP E MID 24 01 – 29 02 2020
TORNERIA IN LEGNO CP BILLB TOP 30 01 – 29 02 2020
RD CASA ANNUNCI – HOME LEAD BOTTOM 01 01 19 – 31 12 20