In giro per festival, dai Calexico a Andrew Bird

Ma ci sono sempre stati così tanti festival interessanti in Italia tra la primavera e l’estate? No. E noi qui in Romagna possimo ritenerci ulteriormente fortunati, basti pensare che dall’1 al 5 giugno ce ne sarà uno in spiaggia totalmente gratuito, che anche quest’anno è finito tra gli eventi da non perdere pure delle riviste di settore americane. Parlo naturalmente di Beaches Brew, al bagno Hana-Bi di Marina di Ravena, con una ventina di artisti di caratura internazionale di cui parleremo su questo giornale ma tra cui mi preme subito segnalare l’hip-hop alternativo di Shabazz Palaces, il ritorno delle Babes in Toyland e le chitarre post-punk di Ought o Viet Cong. E all’Hana-Bi questa estate ci saranno anche i C’Mon Tigre o Arto Lindsay, tanto per dire. Cresce sempre più di livello anche il festival “acieloaperto” che porterà alla Rocca Malatestiana di Cesena per esempio in agosto Mark Lanegan e Calexico e partirà alla grandissima già il 12 giugno con una serata di musica elettronica a Villa Torlonia (San Mauro Pascoli) con gli inglesi Plaid, Clark e le star forlivesi M+A. Restando in Romagna, ricordatevi che in luglio c’è il Verucchio Festival, dove ci suoneranno (oltre al solito Ludovico Einaudi) anche i tedeschi Notwist. Restando a distanze largamente abbordabili, all’ormai tradizionale “Sotto le stelle” di Ferrara, le date da non perdere sono quelle del 6 e 30 giugno rispettivamente con Sun Kil Moon e soprattutto Andrew Bird, cantautore delicato e atipico, in unica data italiana. E poi ci sono i Jesus & Mary Chain che il 19 luglio rifanno dal vivo “Psychocandy”. A Bologna solita grande programmazione al vicolo Bolognetti che parte con Casablancas degli Strokes (non saprei) il 9 giugno e poi fa il botto il 19 con un piccolo genietto del pop d’autore come Perfume Genius prima di portare in luglio tra gli altri Neneh Cherry e gli storici Wire. Restando a Bologna merita una menzione il festival di musica (e arte) sperimentale Imago, che in giugno propone anche il “santone” americano Craig Leon. Restando in regione, a Guastalla torna il 2 giugno l’interessante Handmade con due piccole-grandi band di culto nel recupero del filone psichedelico, gli italiani Jennifer Gentle e gli americani Peaking Lights (in cartellone anche i ravennati Comaneci). Ecco poi una serie di segnalazioni per chi potesse permettersi una breve vacanza musicale: la reginetta del pop St. Vincent in fuglio sarà a Roma, in Friuli e a Sestri Levante (dove al festival Mojotic ci saranno anche, tra gli altri, Deus e i rocker psichedelici Tame Impala); gli Interpol con la loro new wave tra fine agosto e inizio settembre suoneranno a Torino, Prato, Roma e Treviso; i Tv On The Radio a fine agosto a Torino; i Belle & Sebastian il 12 luglio ad Ancona e il giorno dopo sempre al Sexto ‘nplugged con St. Vincent (a Pordenone), che quest’anno ha anche il merito di riportare in Italia gli Einsturzende Neubauten (che suoneranno anche a Milano, Firenze, Roma e pure nella vicina Soliera). Per l’elettronica da non perdere a Roma il 26 giugno Squarepusher con il suo ultimo acclamatissimo album, Nathan Fake il 1 giugno a Padova, il Dancity di Foligno (con Vessels, Holly Herndon e addirittura Jeff Mills), il blues digitale di James Blake a Vasto o l’unica data italiana di Four Tet in Sicilia, dove allo Zanne Festival headliner sono pure Godspeed You! Black Emperor, Spiritualized e Franz Ferdinand, loro anche al Goa-Boa di Genova.

LA MUCCA VIOLA – BILLB MID1 11 – 25 11 19
BRONSON TRANSMISSIONS BILLB MID2 16 – 23 11 19
RAVEGAN HOME BILLB 11 – 24 11 19
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 19