Film con De Rienzo da riscoprire. E il meglio delle arene

Libero De RienzoLibero De Rienzo era un attore bravissimo e un simbolo generazionale.
Come spesso accade, non sono i capolavori che creano le icone, ma quelle commedie che per un motivo o per l’altro fanno breccia nel tuo immaginario.

Come Santa Maradona vent’anni fa o la divertentissima trilogia di Smetto quando voglio, titoli “purtroppo” da riscoprire e ampiamente disponibili nei servizi streaming (alcuni addirittura sul gratuito Raiplay).
Ma De Rienzo non era solo allegro e scanzonato, è stato anche un tragico e fedele Gianfranco Siani in Fortapàsc, film che andrebbe proiettato nelle scuole.

La sua carriera non è stata sempre lineare, ma la sua impronta resterà scolpita per sempre nel nostro immaginario, “gli eroi son tutti giovani e belli”.
(A proposito di eventi tragici, sono passati vent’anni dal G8 genovese e non sarebbe male rispolverare film come Diaz o come il documentario Carlo Giuliani, ragazzo).

Come ogni settimana continuiamo a segnalare i film delle arene, da considerarsi a tutti gli effetti prime visioni. A volte tra parentesi, a volte no, c’è la data di proiezione. I film sono tutti consigliati, perché piacciono alla gente che piace.

Arena delle Cappuccine (Bagnacavallo) fa un’operazione graditissima, recuperando alcuni film invisibili usciti molto in sordina nel corso degli anni dieci, come Mi stai ammazzando, Susana (22 luglio), commedia su una crisi di coppia, e Hasta la vista (28) che parla del desiderio di sessualità da parte di giovani disabili: non visti, ma perché non provare? Molto particolare e ostica la scelta di offrire il nuovo film di Roy Andersson, Sulla infinitezza (27) una sorta di installazione video che vuole narrare la società contemporanea. Il già citato Il concorso (25 e 26) parla della reale edizione del 1970 di Miss Mondo che vide la prima vincitrice di colore.

Arena del Carmine (Lugo): vengono riproposti il valido Est – Dittatura last minute (22 a Lugo e il 28 a Faenza) e soprattutto (23) l’ormai grande classico del cinema asiatico In The Mood For Love, capolavoro firmato Wong Kar-wai.

Arena Borghesi (in piazza a Faenza) punta tutto su quello che è per chi vi scrive il più bel cartone animato di tutti i tempi, La città incantata, lo splendido viaggio della piccola Chichiro che proprio quest’anno compie vent’anni, proposto gratuitamente il 25.

Arena in Massa (Massa Lombarda): In The Mood For Love qui giunge il 27 luglio, poi di fatto c’è una prima visione, e parliamo di Crudelia, sorta di prequel de La carica dei 101, interpretato dall’ottima Emma Stone (24 e 25), e che a livello di operazione non può che richiamare il fortunato Joker.

Arena del Sole (Lido di Classe): Crudelia il 23, e una serie di film incentrati sul tema della manifestazione che ospitano, il Festival Naturae.

Arena Rocca Brancaleone (Ravenna): dicono manchi poco…

RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21
CONSAR BILLB 11 – 17 10 21
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 31 10 21