Strage di uccelli nella Valle della Canna, le analisi trovano botulino di tipo C

Numerosi volatili nella zona umida in stato di secca a nord di Ravenna lungo la Romea: l’uomo non è sensibile all’intossicazione di queste tossine ma è sconsigliato avvicinarsi all’area

Valle Della Canna, Stato Canale Circondariale, 7.8.17Numerosi uccelli sono stati trovati morti nella Valle della Canna, zona umida in stato di secca che si estente lungo la Romea a nord di Ravenna e l’esito degli esami del primo campione prelevato, eseguiti dall’Istituto zooprofilattico sperimentale di Forlì, segnala la presenza del batterio “Botulino produttore di tossine di tipo C”. Lo rende noto il Comune di Ravenna. Che invita i cittadini, in via precauzionale, a non recarsi nell’area, se non espressamente autorizzati, ad evitare di toccare gli animali morti o malati e a non portarli via anche se «un’ampia varietà di uccelli è sensibile all’intossicazione da tossina di tipo C, soprattutto gli anatidi, mentre l’uomo no».

Per contrastare anossia e ristagno – condizioni favorenti il batterio e la produzione della tossina, già in parte mutate dalle piogge delle ultime ore dopo il periodo estivo – sarà quanto prima immessa ulteriore acqua alla valle, grazie alla disponibilità di Ravenna Servizi Industriali e Romagna Acque. Mentre continueranno i campionamenti, si intensificherà il lavoro di cura degli animali malati ancora vivi e quello di recupero delle carcasse, grazie ai volontari dell’Associazione Ornitologica Romagnola e Ambito Territoriale Caccia, coordinati dagli agenti di Polizia Locale addetti alla vigilanza delle zone naturali, con la collaborazione del Centro Recupero Avifauna.

COOP SAN VITALE MRT TEODORIGO 26 10 – 08 11 20

La Federcaccia della provincia di Ravenna accusa le istituzioni di aver causato questo «ennesimo disastro ambientale, ennesima vergogna». La motivazione sarebbe da ricercare nel mancato ricambio di acqua nella valle di proprietà pubblica tra Punte Alberete e Mandriole – «l’acqua viene elemosinata dai soggetti privati che detengono i diritti di presa delle acque dal Lamone o dal Reno» – e l’imputridimento avrebbe fatto esplodere il botulino: «Quali sono gli interessi che impediscono di disporre dell’acqua del Lamone?».

REGIONE ER PARTECIPAZIONE LEADERB MID1 26 10 – 11 11 20
CONAD APERTI BILLB 22 03 -31 10 20
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20