Educatrice lasciata fuori da scuola con tampone negativo, i carabinieri al liceo

All’artistico il primo giorno di scuola. «Sono sicuramente meno “pericolosa” di chi ha il green pass…»

Carabinieri Liceo SeveriniChiama i carabinieri per poter entrare a fare il suo lavoro. È successo questa mattina davanti al liceo artistico Severini di Ravenna. Protagonista della vicenda, in occasione della prima campanella del primo giorno di scuola, un’educatrice di una cooperativa privata, Raffaella Veridiani. Non vaccinata per scelta, che quindi è costretta a presentare un tampone negativo ogni 48 ore per poter lavorare.

Carabinieri Severini Veridiani«Mi sono presentata a scuola con l’esito negativo del tampone appena fatto – ci dice al telefono – ma non mi hanno fatto entrare perché il codice non era ancora stato caricato e quindi non ero in possesso del Qr-Code. Ho dovuto chiamare i carabinieri per poter fare il lavoro che amo, con in mano un test negativo che paradossalmente mi rende più “sicura” nei confronti degli altri rispetto a tutti i miei colleghi con il green pass, potenzialmente contagiosi».

Il codice è arrivato circa due ore dopo, durante le quali l’educatrice è dovuta rimanere all’esterno dell’istituto. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri.

RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21
IDROZETA BILLB TOP 11 06 – 30 09 21
CONAD LIBRI SCUOLA BILLB 01 – 30 09 21