L’associazione Dis-Ordine annuncia 1125 firme per riportare l’Accademia in centro

In attesa dell’incontro con il sindaco De Pascale per parlare di formazione artistica in città

AccademiaL’associazione Dis-Ordine, che si è fatta promotrice nei giorni scorsi di una raccolta firma per riportare in centro l’Accademia di Belle Arti aspetta “con ansia” l’incontro promesso dal sindaco sulla formazione artistica in città e ribadisce l’imprortaza delle oltre mille firme raccolte. Di seguito il testo di una nota inviata ai giornali:

“Le oltre 1000 firme raccolte dall’Associazione Dis-ORDINE per riportare l’Accademia in Centro hanno un valore enorme. La petizione, da febbraio a oggi, ha portato la storia delle scuole del mosaico, per certi versi sempre affascinante, al centro delle attenzioni dei ravennati, e, soprattutto, sensibilizzato l’amministrazione sull’importanza di presentarsi al traguardo della statalizzazione con un progetto vero. Non più tardi dello stesso giorno in cui la giunta, all’unanimità, rinnova il contratto di locazione per l’Accademia fuori dal centro per un periodo superiore al proprio mandato, il Sindaco di Ravenna Michele De Pascale, nel suo discorso di chiusura dei suoi primi 365 giorni, a Casa Melandri, alla presenza del Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, promette un incontro pubblico per discutere della linea di formazione artistica a Ravenna. In seguito all’appello lanciato al termine del dibattito dal prof. Landi, anche Bonaccini si mostra interessato a ricevere più informazioni sulle scuole del mosaico di Ravenna per poter allargare, speriamo, le misure di sostegno e salvaguardia già in atto da parte della Regione per molti altri ambiti. Particolarmente apprezzato lo slogan di Bonaccini sul fare quello che si promette in campagna elettorale e farlo presto. In entrambi i casi a Ravenna non sembriamo essere campioni e, si sa, ci vuole tempo e pazienza, così intanto rinnoviamo per altri sei anni il contratto di locazione in area industriale cimiteriale per l’Accademia di Belle Arti e ancora tergiversiamo sul riconoscimento ufficiale del mosaico al Liceo Artistico. Si apprezza l’entusiasmo del giovane Sindaco e la sua apertura nel voler dimostrare il cambio di passo promesso, ma i vecchi nodi sono difficili da sciogliere. Alcuni segnali di ripresa si avvertono. Le politiche culturali si stanno riprendendo, seppure con flussi controversi, ma il problema all’istruzione rimane. Chiedere è lecito e per un politico rispondere è dovere, non solo cortesia, possibilmente nei tempi giusti, perciò attendiamo con ansia l’incontro promesso dove speriamo di poter ancora una volta ribadire l’importanza di una formazione artistica specialistica come garanzia di qualità.

L’Associazione Dis-ORDINE ringrazia le Librerie Longo, Modernissima e Feltrinelli, Albergo Cappello, Ca De Vèn e Caffè Letterario per la disponibilità ad accogliere la raccolta oltre che i 1125 artisti, cittadini, intellettuali, insegnanti, professionisti e commercianti firmatari della petizione. ”

Il consiglio direttivo dell’associazione comprende Mariella Busi, Marcello Landi, Fulvio Fiorentini, Giuliano Babini, Elena Pagani, Daniela Caravita, Dusciana Bravura, Stefano Cangini, Federico Zanzi, Anna Togni, Agnese Navoni

 

 

RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21
CENTRALE LATTE CESENA BILLB 25 – 31 10 21
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 30 11 21