Il consiglio comunale cancella Benito Mussolini dai cittadini onorari di Ravenna

La decisione passa con 25 voti a 2 (alcuni consiglieri assenti): rimossi dall’albo anche i nomi dei gerarchi che ottennero il riconoscimento nel Ventennio per meriti legati al fascismo

1434208945 Benito MussoliniIl nome di Benito Mussolini non compare più nell’albo dei cittadini onorari di Ravenna. Così ha deciso il consiglio comunale nella seduta di ieri, 8 novembre, portando a conclusione un dibattito (e le relative polemiche) che va avanti ormai da mesi. La cancellazione del Duce dalle cittadinanze onorarie è stata possibile attraverso una modifica dello Statuto comunale. Insieme a quello di Mussolini anche i nomi di altri gerarchi fascisti sono stati depennati, secondo il principio per cui i riconoscimenti assegnati nel Ventennio per meriti legati al fascismo non possono essere conservati negli albi odierni. La votazione è passata con 25 favorevoli e due contrari (Alberto Ancarani di Fi e Gianfilippo Nicola Rolando della Lega) mentre alcuni consiglieri hanno lasciato la sala.

È stata inoltre introdotta una seconda modifica allo Statuto che si inserisce nello stesso solco antifascista imboccato con decisione dalla giunta del sindaco Michele de Pascale che in prima persona si è fatto sostenitore della formazione di un comitato antifascista. Per poter accedere all’assegnazione di sale pubbliche ora occorre una autodichiarazione di adesione ai principi della Costituzione.

FAMILA – HOME MRT2 16 – 22 05 19

La Cgil accoglie con soddisfazione la decisione del consiglio comunale: «Apprezziamo la coerenza del percorso compiuto per giungere alla cancellazione di Mussolini dall’albo dei cittadini onorari – commenta il segretario generale della Cgil di Ravenna, Costantino Ricci -; si tratta di un atto significativo che serve a riaffermare i fondamentali valori dell’antifascismo. La decisione del Consiglio comunale giunge in un momento importante; si moltiplicano infatti segnali preoccupanti, non ultimi i fatti avvenuti a Predappio, che testimoniano come l’Italia sia attraversata da rigurgiti fascisti e xenofobi che non sono in alcun modo da sottovalutare».

Soddisfatto anche Massimo Manzoli, consigliere comunale di Ravenna in Comune: «Dopo mesi di discussione, iniziata da due nostri odg, si è chiusa la vicenda legata alla cittadinanza onoraria di Mussolini e alla concessione di sale e contributi ad associazioni neo-fasciste. Finalmente».

CONSAR – HOME BILLB MID1 20-26 05 19
DECO – PIADINA LORIANA CULT LEAD SPETTACOLI 01 01 – 31 12 18
RD CASA ANNUNCI – HOME LEAD BOTTOM 01 01 – 31 12 19