Selfie, bandiere, Vasco e citazioni dai meme: la piazza del centrodestra

Il rito della autoscatto con il leader della Lega, la musica italiana degli anni Novanta in sottofondo, Meloni che ripete il mantra Giorgia-mamma-donna-cristiana: racconto di una serata tra chi voterà per Lucia Borgonzoni ma si esalta di più con i leader nazionali della coalizione

IMG 4748E cominciata con Matteo Salvini che va tra la la gente in piazza sotto al palco a concedersi per i selfie, è finita con la folla che si mette in fila per salire sul palco e fare un selfie con Matteo Salvini, in sottofondo sempre tanto Vasco, poi Battisti, Bennato, Dalla e altra roba italiana come fosse una serata amarcord 80-90 alla balera. Nel mezzo un comizio da 90 minuti per chiudere la campagna elettorale di tutto il centrodestra (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e liste minori) a sostegno di Lucia Borgonzoni in corsa per la presidenza della Regione Emilia-Romagna (si vota domenica 26 gennaio dalle 7 alle 23). Ravenna per una sera sotto gli occhi non solo della regione ma d’Italia e forse anche oltre. Perché a sentire chi si è susseguito sul palco, in caso di vittoria a Bologna si andrà a citofonare a Palazzo Chigi per sfrattare Giuseppe Conte e andare a elezioni nazionali anticipate. E la partecipazione è talmente tanta che non c’è nemmeno tempo per avvertire la scossa di terremoto.

C’erano almeno tremila persone in piazza del Popolo a Ravenna stasera, 24 gennaio, ma molti altri altrove davanti a tv e schermi. Di sicuro tante, tantissime erano le bandiere, ché si sa quelle fanno volume e riempiono bene le inquadrature delle foto. A ogni angolo di accesso alla piazza c’era qualcuno incaricato di offrirne una a chi affluiva.

CONAD RACCOLTA PLASTICA MRT2 20 – 29 02 20

IMG 4743In ogni angolo ma non a quello tra via Muratori e piazza XX settembre: lì c’erano i contestatori, i soliti volti noti dell’antagonismo locale impegnati con cori e insulti «contro i fascisti». Con il repertorio di domande classiche rivolte agli impassibili carabinieri in tenuta antisommossa: «Cosa state a fare qua, non vi vergognate?». La risposta la fornisce un ragazzino appoggiato a una bici. Serafico e pacato risponde alla donna che urla: «Fanno il loro lavoro, evitano che vi facciate male a vicenda, voi e loro».

Le bandiere invece le hanno prese e sventolate un gruppo di quattro ragazzi di colore che hanno attraversato la piazza prima dell’inizio del comizio ridendo e cantando. Ironia? Provocazione? Nuovi leghisti? A qualcuno non sono piaciuti molto e scuoteva la testa al loro passaggio.

Alle 18.38 si comincia (ufficialmente dovevano essere le 18). I panni del conduttore li indossa Jacopo Morrone, segretario della Lega Romagna e parlamentare. Introduce uno alla volta i leader politici delle liste.

IMG 4736Il primo boato della piazza si è alzato con Mirko De Carli, ravennate ai vertici del Popolo della Famiglia: ha chiesto il ruggito dei suoi concittadini ed è stato accontentato. Cori e boati anche per Salvini, e ci mancherebbe visto che è il loro capitano. Ma a scaldare davvero la piazza c’è voluta «una donna, una madre, una cristiana»: la leader di Fdi Giorgia Meloni cita con il sorriso il tormentone che ha alimentato meme per giorni e per una decina di minuti tiene in pugno il popolo sotto al palco. Lo fa ridere – «Dicono che gli immigrati vengono a fare lavori che non voglio gli italiani, è vero, ad esempio votare il Pd» – e lo fa gridare quando dice che è pronta per governare il Paese con gli altri alleati. «Com’è brava lei, mi è sempre piaciuta», dice la signora in prima fila. Una Meloni a tutta carica: del resto lei non aveva problemi di voce bassa come Salvini «che si è fatto duecento piazze».

83930919 1772412119562941 6008790836312014848 NL’intervento che non ti è aspetti è quello di Berlusconi. Il Cav si prende un’accoglienza da rockstar, abbraccia Vittorio Sgarbi che fa solo un cammeo sul palco e poi imbastisce un discorso che a qualcuno pare quasi una lezioncina di storia. In un comizio per le elezioni regionali, il fondatore di Forza Italia ha infilato il comunismo, la Cina, le radici cristiane. E se gli emiliano-romagnoli pensassero di votare solo per la giunta regionale, beh, si sbagliano: «Questo è un voto per l’Occidente».

La chiusura è con la candidata, Borgonzoni. Anche lei con qualche problema di voce. Tocca vari punti: non vuole una sanità in cui ti visitano in tre giorni se paghi ma in un anno e mezzo se vai col pubblico, non vuole le aree per i nomadi, non vuole le coop che lucrano sui lavoratori, vuole regole per le moschee, vuole abbassare l’Irpef perché se l’hanno fatto in Veneto allora si può fare anche qua. E poi tutti insieme sul palco per la foto di gruppo. Ma in piazza qualcuno aveva già imboccato la via di casa mentre parlava la candidata.

TORNERIA IN LEGNO CP BILLB TOP 30 01 – 29 02 2020
AGENZIA MARIS BILLB CP 25 02 – 31 03 20
RD CASA ANNUNCI – HOME LEAD BOTTOM 01 01 19 – 31 12 20