Tornano gli Ammutinamenti della danza contemporanea, dalla passeggiata alla Vetrina

A Ravenna dal 12 al 20 settembre. Il programma

Nicolas Grimaldi Capitello Kurup Ammutinamenti20 2 (1)

Nicolas Grimaldi Capitello “Kurup”

Dal 12 al 20 settembre Ravenna diventa la città della danza contemporanea accogliendo la XXII edizione di Ammutinamenti – Festival di danza urbana e d’autore, curato dall’Associazione Cantieri Danza.

RESET – L’impossibile è indispensabile, il titolo di questa edizione , ne racchiude tutto il significato: “immaginare per ricominciare. Lasciare – si legge nella cartella stampa – che il pensiero viaggi oltre i confini di quanto fino ad oggi ci sembrava possibile per percorrere sentieri alternativi e generare nuovi paradigmi che possano tornare a nutrirci e rivitalizzarci».

COOP SAN VITALE MRT TEODORIGO 26 10 – 08 11 20

Tra gli spazi protagonisti di Ammutinamenti, la Darsena di città, luogo di archeologia industriale e quartiere residenziale che inaugura questa nuova edizione: sabato12 settembre (ore 16.30), il festival prende vita con la passeggiata danzata dedicata a Pina Bausch, The Nelken Line, che parte da Piazza San Francesco per arrivare alla banchina della Darsena. L’iniziativa si sviluppa nell’ambito di “Invito alla danza”, storico progetto che vede coinvolta la comunità locale di scuole di danza e gruppi artistici informali e che quest’anno accoglie anche appassionati e spettatori del festival.

Si prosegue poi al Parco Deserto Rosso, sempre in Darsena, dove il talentuoso Nicolas Grimaldi Capitello presenta (alle ore 18) Kurup, vincitore del bando Danza Urbana XL. Inscena con Valeria Nappi in uno spazio indefinito e in un tempo indeterminato,i due performer agiscono e reagiscono animati da sentimenti reali e da stimoli esterni.

A seguire, sempre al Parco Deserto Rosso, va in scena Golden Variations, la danza delicata della coreografa Camilla Monga unita alla musica di Filippo Vignato,tra i giovani jazzisti italiani più interessanti del momento, per una memoria musicale collettiva fatta di atmosfere che rievocano canti ancestrali sardi, retaggi futuristi e sonorità blues.

Dalle17 alle 23 la Darsena ospita anche Garage Sale, mercatino vintage e second hand, live music, attraversato anche da incursioni di danza urbana.

Il festival si sposta poi alle Artificerie Almagià dove (dalle 18.30) si svolge Giunco: installazione e pratiche open air diPaola Ponti (coreografa e danzatrice), Giorgia Severi (artista visiva), Giacomo Gaudenzi (musicista) nell’ambito del progetto Appunti per un Terzo Paesaggio perViva Dante-Ravenna 2020/21curato da Sabina Ghinassi e Selina Bassini (lunedì14 settembre alle ore 21 è inoltre possibile seguire la prova aperta di Giunco al termine dalla residenza multidisciplinare di Paola Ponti, Giorgia Severi e Giacomo Gaudenzi).

Dalle19.30alle 20.30 il palco dell’Almagià accoglie la compagnia ravennate gruppo nanou che presenta Alphabet: “conversazione, prototipo per installazione coreografica”.

Conclude l’intensa giornata di sabato 12 settembre (ore 22 – Artificerie Almagià),l’estro creativo del coreografo e danzatore Nicola Galli che presenta Il mondo altrove: una storia notturna, nuovo progetto coreografico che si ispira alla nozione di giardino di Gilles Clément e agli studi etnografici di Claude Lévi-Strauss,

Dal 17 al 19 settembre l’attenzione si catalizza sulla Vetrina della giovane danza d’autore. LaVetrina ha permesso di far emergere la vitalità della danza italiana e dei nuovi autori che negli anni si son ovia via affermati sulla scena.I protagonisti sono selezionati attraverso un bando dagli operatori del NetworkAnticorpi XL, la rete che dal 2007 ha come focus principale la promozione della giovane danza d’autore italiana e che attualmente coinvolge 37 operatori di 15 regioni.

La Vetrina della giovane danza d’autore trova dimora straordinaria quest’anno nello storico Teatro Alighieri che apre le sue porte alla giovane danza autoriale, mentre la banchina della Darsena di città ospita i lavori creati per un luogo all’aperto. Gli artisti di questa edizione, provenienti da tutta Italia, sono: Jari Boldrini & Giulio Petrucci, Nicola Simone Cisternino, Collettivo Munerude, Lucrezia Gabrieli, Martina Gambardella, Pablo Girolami, Nicolas Grimaldi Capitello, Claudia Lia Latini, Gennaro Andrea Lauro, Nyko Piscopo, Paolo Rosini, Stefania Tansini, Matteo Vignali & Noemi Dalla Vecchia.

Accanto ai coreografi selezionati per la Vetrina, il giovane autore Matteo Marchesi presenta BOB (venerdì 18 settembre, ore 18, Artificerie Almagià), lavoro selezionato grazie al monitoraggio avviato quest’anno in via sperimentale attraverso la sezione KIDS del bando Vetrina, dedicatoalla ricognizione dei lavori rivolti alle nuove generazioni. La performance è il risultato di due anni di ricerca con gruppi di bambini sull’esplorazione dei mostri, delle loro apparenze, dei bisogni e dei luoghi a cui possono o non possono appartenere.

Attesa e interesse per il coinvolgente Prove d’Autore XL, sabato 19 settembre (ore 18) sulpalcoscenico del Teatro Rasi. Prove d’Autore, azione del Network Anticorpi XL, offre a giovani coreografi e coreografe emergenti della danza contemporanea italiana la possibilità di misurare le proprie capacità autoriali confrontandosi con l’ideazione e la scrittura coreografica per ensemble di danzatori di formazione accademica al fine di mettere in connessione linguaggi coreutici diversi. Protagonisti di questa settima edizione dell’azione sono il duo artistico Ginevra Panzetti-EnricoTicconi in scena con MMContemporary Dance Company e Giselda Ranieri con il Balletto Roma.

Info e prenotazioni info@festivalammutinamenti.org. I biglietti sono acquistabili su www.liveticket.it/festivalammutinamenti. Nel rispetto delle norme di contrasto e contenimento del virus covid-19 e data la capienza limitata dei luoghi spettacolo, è fortemente consigliato l’acquisto online.

DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20
RECLAM TIROCINIO BILLB CULT 02 03 – 31 10 20
RECLAM AGENTI BILLB CULT 02 03 – 31 10 20