La Conad si ferma a un passo dall’impresa: la capolista Brescia non regala nulla

Volley A2 femminile / Sarebbe bastato un punto alle ravennati per accedere ai playoff, ma dopo aver vinto il primo set Bacchi e compagne non sono riuscite a contrastare il grande ritorno delle lombarde

Brescia-Ravenna 3-1
(22-25, 28-26, 25-19, 25-22)
SAVALLESE MILLENIUM BRESCIA: Villani 22, Veglia 6, Decortes 16, Dailey 15, Gioli 13, Prandi 3, Parlangeli (L) 1; Canton, Norgini 1. Ne: Bortolot, Leo, Angelini, Gabbiadini. All.: Mazzola.
CONAD OLIMPIA TEODORA RAVENNA: Bacchi 15, Menghi 8, Kajalina 6, D’Odorico 11, Washington 18, Scacchetti 2, Paris (L); Ceroni , Aluigi, Panetoni (L). Ne: Torcolacci, Drapelli, Vallicelli. All.: Angelini.
ARBITRI: Jacobacci di Bergamo e Cecconato di Treviso.
NOTE – Brescia: bs 16, bv 3, errori 16, muri 11; Ravenna: bs 11, bv 1, errori 13, muri 11. Durata set: 24′, 30′, 24′, 38′ (tot. 116′).

Time Out Olimpia

Il tecnico Simone Angelini e la sue giocatrici durante un time out

E’ arrivata a un set dall’impresa, la Conad, che per un soffio non è riuscita a compiere il miracolo che sarebbe valso l’accesso ai playoff. Quella che alla vigilia sembrava una missione impossibile all’improvviso è diventata più semplice per via del “sucidio” sportivo del Collegno, battuto 3-0 a Marsala da una squadra già retrocessa (alla fine il nono posto lo conquista il Club Italia, autore di un salto triplo grazie al 3-0 di Montecchio Maggiore). A quel punto alle ravennati sarebbe bastato aggiudicarsi due frazioni per superare le piemontesi in virtù di un miglior quoziente set, ma a Montichiari, sul campo della corazzata Brescia (a cui serviva almeno un successo al tiebreak per conservare il primo posto), si sono fermate sul più bello, sull’1-0 che lascia tanto amaro in bocca. Nei tre parziali successivi, infatti, la Millenium Savallese non ha regalato nulla, confermando il suo maggior valore, anche se nel secondo periodo le biancorosse sono andate vicinissime al 2-0. Termina così una stagione che va ricordata soprattutto per il bel ritorno di una formazione bizantina in Serie A2, capace di chiudere la sua avventura con un bilancio in gran parte positivo, anche se è mancata la classica “ciliegina” finale sulla torta.

Sestetti titolari Per le padrone di casa della Savallese Millenium il tecnico Mazzola sceglie Dailey, Decortes e Villani in attacco, Veglia e Gioli centrali, Prandi al palleggio con Parlangeli libero. Dal canto suo il coach Angelini conferma lo starting six formato da capitan Bacchi e D’Odorico di banda, Kajalina opposto, Scacchetti al palleggio, Washington e Menghi centrali e Paris libero.

Primo set Nelle prime battute regna sovrano l’equilibrio con un po’ di errori da una parte e dall’altra. Washington realizza un paio di punti con un attacco e un muro vincente, poi è un fendente di Bacchi a ristabilire la parità sul 6-6. Brescia allunga e tenta la fuga, portandosi a +5 (13-8). Ravenna si ricompatta e con grande freddezza riesce ad agganciare le padrone di casa, effettuando il sorpasso (16-17) e costringendo la panchina bresciana a chiedere la sospensione del gioco. Ci si avvia verso un finale di frazione vibrante con Ravenna che non abbassa la guardia e alimenta il vantaggio. Il set si conclude 22 a 25 per le romagnole che sfruttano un errore in attacco delle bresciane.

Secondo set Parte avanti Ravenna nel secondo set (1-3). Un po’ di confusione in campo, con un time out fantasma che le romagnole credevano avessero chiamato le padrone di casa, e si torna in parità (4-4). Questa volta è Ravenna a chiamare una sospensione vera. Quando si torna a giocare le romagnole si dimostrano molto concentrate e ordinate nei vari reparti ed è ancora parità (7-7). Con un break di 6 a 1 le bresciane provano a prendere il volo (13-8). È capitan Bacchi a conquistare un punto importante per continuare a lottare in questo set. Sofia D’Odorico mette a segno un attacco e un muro vincenti che accorciano il gap a +4 per le padrone di casa (17-13). Nel finale di set le ragazze di Angelini tornano a fiatare sul collo delle padrone di casa (19-17). D’Odorico mette a terra la palla del 22 a 20, poi una pipe di Bacchi e Ravenna è a -1. Un errore in attacco di Brescia e si va sul 22 pari. Finale al cardiopalmo con le due squadre che procedono punto a punto fino a che Brescia non riesce a spuntarla 28-26, grazie a una invasione fischiata a Ravenna e a un attacco vincente di Gioli.

Terzo set Si parte all’insegna dell’equilibrio in campo (5-5), poi è Brescia a dimostrarsi più concreta, staccando Ravenna sul 10 a 7. Nella fase centrale del set le due squadre si rendono protagoniste di un lungo scambio molto applaudito che si conclude a favore di Brescia (17-14). Ravenna non perde contatto e, con Washington che mette a terra un attacco, insegue a -2 (18-16). Quando la centrale americana realizza il suo quindicesimo punto, Mazzola chiede il time out. Errori in battuta da una parte e dall’altra e ci si avvia al finale del terzo set. Un errore in attacco di Ravenna e Brescia allunga sul 22 a 19, costringendo coach Angelini a chiamare la sospensione. Alla ripresa del gioco un ace delle lombarde e un attacco vincente di Villani portano le padrone di casa a usufruire di sei set ball. È sufficiente il primo per mettere Villani in condizione di murare l’attacco ravennate e concludere 25-19.

Quarto set Come nelle frazioni precedenti si parte in equilibrio, poi Ravenna va all’arrembaggio e riesce a prendere il largo (5-8). La panchina bresciana chiama allora la sospensione del gioco. Alla ripresa le padrone di casa appaiono rinfrancate e si rifanno sotto (8-9). Questa volta è Angelini a chiamare il time out. Si torna a giocare e un muro di Gioli riporta il parziale in parità (9-9). Nelle fasi centrali del set le due squadre procedono con grande attenzione, cercando di non perdere contatto l’una dall’altra (15-15). Brescia si porta in vantaggio e Ravenna rincorre (19-19). Villani da una parte e Washington dall’altra e si continua in parità. Ancora Villani, vera protagonista del quarto set, mette a terra la palla del 23 a 21. Il tecnico biancorosso chiama la sospensione per giocarsi le ultime carte, ma alla ripresa del gioco è ancora Villani a concludere con un pallonetto imprendibile. Tre match ball per Brescia. Il primo viene neutralizzato da Ravenna grazie a un attacco di Bacchi. Al secondo tentativo è di nuovo Villani a mettere a terra una palla che scotta e a chiudere le ostilità sul 25-22.

Risultati (ultima giornata): Sorelle Ramonda Ipa Montecchio-Club Italia Crai 0-3, Fenera Chieri-Volley Soverato 3-0, Ubi Banca San Bernardo Cuneo-Golem Olbia 3-0, Battistelli San Giovanni in Marignano-Golden Tulip Volalto Caserta 3-0, Sigel Marsala-Barricalla Collegno 3-0, Savallese Millenium Brescia-Conad Olimpia Teodora Ravenna 3-1, Zambelli Orvieto-LPM Bam Mondovì 3-1, P2P Givova Baronissi-Bartoccini Gioiellerie Perugia 3-0. Riposo: Delta Informatica Trentino.

Classifica finale: Brescia 75 punti (promossa in A1); Cuneo* 74; Mondovì* 68; San Giovanni Marignano* 65; Chieri* 64; Trento* 62; Soverato* 58; Orvieto* 54; Club Italia* e Collegno 51; Ravenna 50; Baronissi 37; Olbia 26; Montecchio 25; Perugia e Marsala° 24; Caserta° 8 (*ai playoff; °retrocessa in B1).

CGIL BILLB MANIFESTAZIONE 8 OTTOBRE 29 09 – 06 10 22
RADIS ACARI BILLB 16 – 30 09 22
CONAD CONSEGNA A DOMICILIO BILLB 03 11 21 – 31 12 22
ASER LEAD BOTTOM 01 09 – 31 12 22