Tra le paure di Santarcagelo e le belle novità per i ragazzi

Night Tripper

Ingrid Fiksdal in “Night Tripper” (foto Florian Rainer)

Luglio è mese di mare e di amori. L’umidore della riviera si fa erotico, l’aria è pesante e invoglia all’orizzontalità. Ma luglio, per la Romagna teatrale, da 48 anni è legato a doppio filo a una località: Santarcangelo.
Il secondo anno della direzione artistica di Eva Neklyaeva e Lisa Giardino (che raggiungerà la conclusione nel 2019), come lo scorso è improntato alla mescolanza delle arti. Il termine “teatro” esplode in mille schegge, si fa proteiforme, arriva a includere performance, coreografie, passeggiate, musica. Il tutto sotto il segno dell’internazionalità. Dal 6 al 15 luglio saranno quasi 150 gli eventi che animeranno il turrito borgo romagnolo per il Festival, e 200 gli artisti provenienti da tutto il mondo: dalla Norvegia all’India, dalla Grecia all’Uruguay.

Il tema di quest’anno è la paura, intesa come emozione profondamente politica. Strumento di consenso o di faziosa unità sociale, la paura come tale va affrontata: deve essere «praticata collettivamente», per comprenderla, neutralizzarla e liberarne le potenzialità positive. Da qui il florilegio di performance che pongono la paura al centro del loro interesse: su tutti, The Unknown dello svedese Markus Öhrn (7-14 luglio) e Night Tripper della norvegese Ingrid Fiksdal (13-15 luglio, nella foto). Entrambi gli spettacoli saranno ambientati nel bel mezzo di un silenzioso bosco notturno, per restituire a tutti i partecipanti quel brivido lungo la schiena che gli specialisti chiamano nyctohylophobia, ovvero la paura della foresta al buio.

In mezzo al bulirone di performance ed eventi speciali su cui è difficile esprimersi in anticipo, si può isolare, in modo del tutto idiosincratico, qualche appuntamento più accessibile da segnare sull’agenda. Partiamo dai nostrani Motus, che presenteranno la loro nuova produzione Panorama, realizzata in collaborazione con lo storico teatro newyorchese La MaMa. In scena all’Itc Molari dal 13 al 14 luglio, questa pièce mette al centro le biografie degli attori, cantando una sorta di peana al nomadismo, inteso come libera scelta dell’artista di seguire nuove avventure esistenziali. L’artista bolognese Asia Gian­nelli sarà invece in piazza Ganganelli col suo RH Negativo (7-8 luglio); lo spettacolo racconta la storia di suo nonno, ex-operaio nelle acciaierie di Piombino e comunista convinto: il ricordo di un’Italia che, come è scritto nella presentazione, «ci sta lasciando». Difficile darle torto.
Senza dilungarmi su Scavi della coppia Deflorian-Tagliarini, di cui mi sono già occupato in questo numero, lascio al lettore il piacere di perdersi fra i mille appuntamenti del borgo e mi dirigo su altri lidi.

Il Ravenna Festival offre l’ultimo colpo di coda prima della grande chiusura del 22 luglio con Roberto Bolle. Gli spettatori potranno gustarsi un ottimo tris di spettacoli, tutti ravennati, a partire da Storia di un’amicizia dei Fanny & Alexander (Alighieri, 5 luglio). Luigi de Angelis, Chiara Lagani e Fiorenza Menni tornano alla letteratura tentando un adattamento della chiacchieratissima tetralogia di Elena Ferrante. A seguire, per la prima volta a Ravenna, Maryam, del Teatro delle Albe, che vede Ermanna Montanari confrontarsi con un testo dell’autore lombardo Luca Doninelli (Rasi, 6-7 luglio); le Belle Bandiere di Elena Bucci e Marco Sgrosso chiudono le danze con Antigone Quartet Concerto: i due attori interpretano tutti i personaggi del classico di Sofocle nel bel mezzo dell’Antico Porto di Classe, accompagnati dalle musiche di Dimitri Sillato e Raffaele Bassetti.

Chiudo il baedeker con una bella novità: il Cisim di Lido Adriano, dal 12 luglio al 2 agosto, ospiterà la nuova rassegna “Approdi”, dedicata al teatro ragazzi. Tra le tante sorprese, cito la nuova produzione Thioro – che vede la collaborazione di Teatro delle Albe, Accademia Perduta e del senegalese Ker Théâtre Mandiaye N’Dyae – e lo spettacolo della non-scuola estiva, condotto da due giovani promesse come Lorenzo Carpinelli e Matteo Gatta.

DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 19