Cinque dischi da riscoprire, da Motta a Tom Waits – di Braschi

A cura di Braschi *

BraschiEcco cinque dischi che consiglio a tutti i lettori di R&D Cult, in loop a casa mia negli ultimi mesi.

Dark night of the souldi Danger Mouse
Facendo un po’ di ricerca, sono incappato in questa bomba dove ogni pezzo ha un feat diverso oltre all’onnipresenza magica e inquietante degli Sparklehorse. Tanti mondi diversi, ma il suono di Danger Mouse rimane fisso. Profondo, viscerale, gonfio, di culto.

Vivere o morire di Motta

Lo ascolto e stimo dai tempi dei Criminal Jokers e quando è uscito questo disco mi ha fatto molto bene. Perchè è un album di cui avevo bisogno. “Mi parli di te” è uno dei pezzi più belli di questi ultimi anni e mi ha fatto piangere. Non credo serva altro.

Terra di Le luci della centrale elettrica
Penso che Vasco Brondi sia il migliore autore di canzoni degli ultimi 10 anni. Passano le cose, la vita di tutti sta cambiando alla velocità della luce, ma la sua poetica rimane lì, forte, e ogni volta riesce in qualche modo ad incastrarmi.

Polaroid di Carl Brave x Franco 126

Ci sono poche cose distanti da me come il rap e il suo immaginario standard di riferimento. A parte i funghi champignon sott’olio. Ma questo disco sa fotografare nel bene e nel male questo momento. L’alto e il basso, la merda e le stelle. C’è Roma, il suo vomito per strada e i suoi sogni che alla fine sono i sogni di tutti.

Closing time di Tom Waits
Non lo sentivo da anni, l’ho ritrovato sotto il sedile della macchina qualche settimana fa mentre stavo guidando in autostrada. Mi ha trascinato in un secondo lontano da dov’ero. Romantico e malinconico. Miele e ruggine.

* Classe 1991, da Santarcangelo di Romagna, il cantautore Federico Braschi, in arte semplicemente Braschi, si è fatto notare registrando con i Calexico e Jd Foster e girando poi gli Stati Uniti in tour. Nel corso degli anni ha suonato anche con Dan Stuart dei Green on Red e in Italia ha aperto i concerti di Gabbani e Le Luci della Centrale Elettrica, facendosi conoscere dal grande pubblico partecipando al concertone del Primo Maggio e al Festival di Sanremo nel 2017 con il brano “Nel mare ci sono i coccodrilli”, tratto dal suo primo disco “Trasparente”. È impegnato nelle registrazioni per il suo nuovo album.

EROSANTEROS POLIS – HOME BILLB TOP – 13 – 26 05 19
DECO – PIADINA LORIANA CULT LEAD SPETTACOLI 01 01 – 31 12 18