Ecco cosa chiede il Pri per non fare cadere la giunta

Tra le non notizie di questi giorni, a Ravenna, la più divertente è sicuramente questa presunta verifica di maggioranza, sulla spinta dell’insofferenza dei repubblicani ravennati verso politiche che sarebbero troppo di sinistra in particolare sulla sicurezza. Ci pensate al nostro povero sindaco Michele de Pascale, che non dorme più la notte, da quando il suo vicesindaco repubblicano lo ha minacciato di far cadere la giunta? Ma ecco, in esclusiva per i lettori di Ravenna&Dintorni, le richieste dei repubblicani al sindaco per evitare la rottura.

– Organizzare almeno due volte l’anno una riunione di giunta al Capanno Garibaldi, da raggiungere con un corteo a cavallo con corone e stendardi per cercare di essere più ridicoli possibile.

– Il Comune di Ravenna dovrà farsi carico di inviare una mozione al Dio onnipotente o in alternativa al Vaticano contro la beatificazione di Pio IX, magari favorendo il coinvolgimento dei giovani con un bando per trovare i migliori insulti con cui etichettare il papa nemico del Risorgimento.

– Destinare in extremis gli spazi per il nuovo museo archeologico di Classe, costato 22 milioni di euro, al nuovo museo del Risorgimento, che ci sembra più meritevole. E quindi di conseguenza destinare i reperti che erano destinati a Classe nei nuovi spazi del costituendo museo del Risorgimento che chissà quando sarà pronto a ‘sto cazzo di Palazzo Guiccioli.

– Intitolare il ponte mobile al massone Giordano Gamberini che non ci è piaciuto il rinvio dell’anno scorso. Mica sarà un problema se ha agevolato l’ascesa di Licio Gelli ed è finito nelle carte dell’inchiesta sulla P2, no? Abbiamo intitolato vie e strade a persone e cose ben più assurde, no?

– Realizzare una statua a grandezza naturale di Giannantonio Mingozzi da esporre vicino della statua del marinaio sulla cui collocazione si sta aprendo proprio in questi giorni un appassionante dibattito in città. A riconoscimento del fondamentale contributo dei vent’anni con le deleghe al porto e l’incarico in Tcr.

– Celebrare in piazza l’anniversario della Repubblica Romana facendo passare in filodiffusione nella città la celebre frase di Giuseppe Mazzini, “La politica senza morale è brigantaggio”, letta sotto costrizione da Alberto Ancarani di Forza Italia, così la smette di lamentarsi per non poter parlare l’anniversario della Resistenza.

CHEF TO CHEF PER NINO CARNOLI BILLB TOP 28 03 – 05 04 20
IDEA CASA BILLB MID2 01 – 14 04 20
STUDIO EFFE BILLB 19 03 – 19 04 20
AGENZIA MARIS BILLB CP 25 02 03 – 30 04 20
SCOR ASTASY BILLB MID2 02 03 – 30 04 20
COFARI HOME LEAD BOTTOM 30 03 – 12 04 20