I rifugiati dovrebbero giocare a calcio insieme agli italiani

La notizia (pubblicata da Ravennaedintorni.it e ripresa un po’ in tutta Italia) è questa: dopo una mega rissa il Comune ha deciso di ritirare dal campionato amatoriale la squadra di calcio composta da richiedenti asilo del progetto Sprar, che per la prima volta partecipava a un torneo ufficiale.

«La nostra squadra – hanno scritto i referenti del progetto alla Uisp motivando la decisione – non ha dimostrato una maturità sufficiente per affrontare le situazioni di forte stress verificatesi in campo, tenendo comportamenti non adeguati e contrari allo spirito del Campionato Uisp». Una decisione sicuramente apprezzabile e per nulla scontata (probabilmente senza precedenti) ma che come prevedibile è servita soprattutto per essere strumentalizzata dalla politica, che in effetti non ha molto altro da fare in questo periodo che in Italia non c’è neppure un Governo.

E così la Lega e il centrodestra hanno sbraitato contro il Comune e il tentativo di integrazione fallito (parlando di altre «abitudini consolidate» dei rifugiati, chiedendosi «come può il comune gestire centinaia di richiedenti asilo se non è in grado di farlo con 11 che giocano a calcio», o altre cazzate del genere) e allo stesso modo, come prevedibile, a sinistra si è levato qualche timido tentativo di giustificazione, cercando di paragonare quanto accaduto con quello che accadrebbe in realtà tutte le domeniche o quasi sui campi da calcio (altra cazzata, stando a tutte le testimonianze raccolte e alle stesse ammissioni di allenatore e responsabile dello Sprar).

In realtà è evidente che l’idea del calcio era giusta, che tanti stranieri si integrano più facilmente anche da queste parti grazie allo sport, e anche (come si è capito) che probabilmente in questo caso tutto è finito per colpa di una persona o di pochi esagitati. Ma è anche vero che questi ragazzi hanno «una certa irruenza», per usare le parole del responsabile (e mi pare pure ovvio, viste le loro storie) e che ci sono stati di certo in passato anche insulti razzisti (figuriamoci), quindi fare una squadra di soli rifugiati – ve lo dice Moldenke – di fatto può avere effetti opposti all’integrazione, aumentando anzi la ghettizzazione e favorendo le generalizzazioni in caso di comportamenti sbagliati.

Che dire, in un mondo normale ci sarebbe un progetto che porta un paio di richiedenti asilo a giocare in ogni squadra composta prevalentamente da residenti di un campionato amatoriale che, in quanto amatoriale, appunto, non dovrebbe avere l’assillo del risultato. Peccato non esista, un mondo normale.

TORNERIA IN LEGNO CP BILLB TOP 30 01 – 29 02 2020
AGENZIA MARIS BILLB CP 25 02 – 31 03 20
RD CASA ANNUNCI – HOME LEAD BOTTOM 01 01 19 – 31 12 20