Vietato l’ingresso ai bambini?

 

Periodicamente, puntuali come i referendum costituzionali, tornano le polemiche sui bambini al ristorante.

Forse non dovrebbe sorprendere: nel paese del Sottosopra, in cui gli ultrasessantenni Briatore e Santanché smaniano per andare in discoteca, ci sta che la pretesa di una povera coppia di genitori di mangiarsi una pizza coi propri figli sia giudicata stravagante, eccessiva e tutto sommato egoista.

Ricordo ancora con un misto di ansia e tenerezza i nostri primi tentativi di serata fuori con carrozzina. La scelta del menu orientata dai minuti mancanti alla prossima poppata, lo sguardo allucinato del genitore che si strafoga al tavolo da solo mentre l’altro scava solchi per terra a furia di cullare un piccolo urlante.

Scene come questa, a mio parere, dovrebbero stimolare negli altri commensali simpatia e solidarietà. Invece, troppo spesso, sono accolti da sguardi astiosi e scuotimenti di capo. Ancor più, mi sorprendono coloro che genitori lo sarebbero pure, ma si vantano di non essere usciti per anni, pur di evitare che la loro progenie potesse arrecare disturbo agli altri avventori. Ora, non fraintendetemi, i bambini vanno educati a stare con gli altri senza disturbare, ma è un processo che richiede tempo, e come potrebbe mai accadere se non li portiamo nel consesso civile prima dei 12 anni?

Ovviamente esistono luoghi e circostanze effettivamente poco adatti agli under 6: conferenze di paleografia latina, locali trendy in cui servono amuse-bouche, dj set di Matteo Salvini a Milano Marittima, magari possono attendere qualche anno (o anche moltissimi anni). Ma per quanto riguarda qualsiasi locale in cui si possono mangiare pizza e grigliate miste, via libera, suvvia. Se si cerca un locale adatto, si evitano i menu degustazione e si portano abbastanza matite colorate, non solo si può fare, ma può essere addirittura piacevole.

Per cui, rivolgo il mio personale appello a tutti coloro che auspicano l’istituzione di locali KIDS FREE: noi ci impegniamo a evitare che i piccoletti lancino urla belluine e tentino di accoppare i poveri camerieri schizzando fra i tavoli come schegge impazzite, e voi in cambio cercate di tenere a mente che educazione e imbalsamazione sono procedimenti diversi e, soprattutto, ogni tanto, fatevela una risata. Ci state?

CONSAR BILLB 07 – 24 01 21
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 31 01 21
RECLAM RPQ WEB MASTER BILLB 15 – 31 01 21
COFARI HOME LEAD 14 12 20 – 24 01 21