«Rimuovere le mascherine una volta seduti al banco, se c’è distanziamento»

L’appello di Ancisi (Lista per Ravenna) dopo il caso della Don Minzoni di Ravenna

Mascherina ScuolaAlvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna, ha trasmesso ieri pomeriggio a Raffaella Angelini, direttrice del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Ausl Romagna, la seguente istanza. In cui chiede quello che già ministero e assessori competenti hanno ribadito, ossia di far abbassare la mascherina agli alunni una volta seduti ai banchi.

«Gentile dottoressa, l’avvio dell’anno scolastico a Ravenna ha mostrato in genere buone condizioni di operatività per la prevenzione e il contrasto dei contagi dal Covid nelle scuole. Ciò non toglie che occorra vigilare ovunque sul rispetto della condizioni di salute e di benessere di tutti gli attori in causa, specie se meritevoli di maggiore tutela. In questi giorni, la Regione ha fornito al Comune di Ravenna l’elenco degli operatori sanitari designati come referenti di ogni istituto, in interfaccia col Dipartimento di Sanità Pubblica. Ritengo perciò di segnalarLe una particolare situazione di disagio che richiede una Vostra sollecita ricognizione, con relativa assunzione di responsabilità.

COOP SAN VITALE MRT MATER NATURAE 12 – 25 10 20

Da notizie lette su molte fonti di stampa, nonché da segnalazioni ricevute dettagliatamente da Lista per Ravenna, è certo che su più sezioni, in particolare all’interno di plessi di un istituto comprensivo di Ravenna (il cui nominativo viene riferito a parte, ma si tratta del San Biagio di Ravenna, ndr), viene imposto agli allievi di indossare la mascherina anche quando seduti in banchi dovutamente distanziati. Ciò contraddice le disposizioni ministeriali dettate dal Comitato Tecnico Scientifico, nonché dalla Regione Emilia-Romagna, secondo cui nelle scuole, in via generale, “la mascherina può essere rimossa in condizione di staticità”, come nel caso dei “bambini seduti al banco”. Se pure la finalità espressa, di carattere educativo/sociale, è “favorire l’apprendimento e lo sviluppo relazionale”, è evidente che mantenere la mascherina su naso e bocca a lungo termine può produrre, anche forse per scarsa ossigenazione, condizioni di disagio psico-fisico o di sofferenza capaci di produrre malessere o addirittura malori nei soggetti più fragili oppure al momento debilitati. D’altra parte, la distanza di almeno due metri indicata tra la cattedra e il primo banco consente anche all’insegnante di abbassare la mascherina, quando svolge lezione, in condizione di sicurezza».

Ancisi riporta poi i disagi ulteriori a cui sono sottoposti i ragazzi con diagnosi medica certificata di DSA – Disturbo Specifico di Apprendimento e chiede infine «di verificare, tramite i Suoi referenti di ogni istituto scolastico, se in tutte le sezioni è consentito agli allievi abbassare la mascherina quando sono seduti ai banchi, intervenendo al bisogno perché ne siano rimossi gli eventuali impedimenti o i divieti impropri, censendo in particolare, ma non esclusivamente, i Dsa. Ne faccio partecipe, con altra istanza, il sindaco di Ravenna, il quale, a norma di legge, è autorità locale, nel territorio del proprio Comune, “in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica”, col potere di emettere ordinanze e di disporne e vigilarne l’applicazione».

STUDIO MARTINI ADV FLESSIBILITA LEAD TOP 19 – 25 10 20
CONAD APERTI BILLB 22 03 -31 10 20
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20
REGIONE ER PARTECIPAZIONE LEADERB BOTTOM 19 10 – 11 11 20