Veterinario indagato: respinto il ricorso contro il sequestro del milione di euro

In Cassazione: Mauro Guerra chiedeva la restituzione del denaro bloccato per una presunta evasione fiscale. Accolta invece la richiesta del pubblico ministero contro l’ordinanza che a maggio aveva restituito l’ambulatorio al 48enne: lo studio resta a disposizione del medico in attesa che il Riesame si pronunci di nuovo

Il milione di euro, di cui 619mila in contanti, resta sotto sequestro e l’ordinanza che aveva tolto i sigilli all’ambulatorio è annullata con rinvio al Riesame mentre lo studio resta nella disponibilità dell’indagato. È l’estrema sintesi dei pronunciamenti della Cassazione su due distinti ricorsi – il primo presentato dalla difesa e l’altro dall’accusa – nell’inchiesta Balto che vede sotto indagine il 48enne Mauro Guerra, noto veterinario di Ravenna, con le accuse di evasione fiscale e maltrattamenti di animali. La vicenda emerse a metà gennaio del 2021 generando sui social la fervida difesa da parte di molti dei clienti del medico.

Contanti Sequestrati Veterinario

I contanti ritrovati nel garage del veterinario

La suprema corte ha respinto il ricorso per liberare i soldi. La guardia di finanza di Ravenna, in collaborazione con la polizia locale, aveva sequestrato denaro e titoli finanziari per un valore complessivo di 1.077.942,72 euro, in esecuzione di un decreto emesso dal gip che contesta al professionista di aver frodato, per anni, il Fisco “in maniera grave, sistematica e continuativa”. Un’ispezione degli investigatori a dicembre del 2020 permise di rinvenire una scatola di polistirolo nel garage dell’abitazione con 619mila euro in banconote, suddivise meticolosamente in buste di plastica. In un baule vennero trovate delle agendine che si presume servissero per la contabilità delle entrate in nero. L’accusa stima che il 70 percento del reale volume d’affari di Guerra viaggiasse su una contabilità parallela sommersa di cui il Fisco non sapeva nulla.  La procura lo accusa di aver sottratto alle casse pubbliche un milione e 77mila euro tra il 2014 e il 2019: 713mila euro di imposte Irpef e il resto di Iva.

VeterinarioIl sequestro dello studio in via Pile a Sant’Antonio era arrivato invece lo scorso maggio. Le indagini, dirette dal pubblico ministero Marilù Gattelli, erano arrivate alla formulazione di 27 capi di imputazione (oltre al maltrattamento e all’uccisione di animali, il veterinario è indagato di detenzione illegale di farmaci, smaltimento illecito di rifiuti speciali, falsificazione di libretti sanitari, frode in commercio e reati tributari). Il gip, nelle 110 pagine dell’articolato provvedimento di sequestro, rilevava una “totale assenza di necessità non solo terapeutica, ma anche etica, di infliggere inutile sofferenza a esemplari animali ogni qual volta un tale supplizio può essere evitato”. Non solo: “è stato procurato al proprio amico di famiglia l’ultimo dolore, il più inutile, lungo e lancinante”. A fine maggio il tribunale del Riesame annullò il sequestro restituendo l’ambulatorio a Guerra: il medico celebrò quel momento con una foto su Facebook in cui baciava il portone di ingresso. Il pm ha fatto ricorso contro il dissequestro e la Cassazione ha annullato l’ordinanza impugnata con rinvio al tribunale per un nuovo esame. È atteso il deposito delle motivazioni per fissare una nuova udienza. Nel frattempo, è bene ricordarlo, lo studio resta nella disponibilità di Guerra senza misure cautelari e il veterinario può continuare a esercitare la professione come sta facendo da maggio. La decisione della Cassazione infatti non rimette in piedi il sequestro di inizio maggio.

172158 104861679592890 7956765 O

Mauro Guerra nel suo studio veterinario a Sant’Antonio

L’inchiesta prende il nome di “Balto” dal cane labrador che morì il 19 agosto 2020. Era stato ritrovato dalla polizia locale nel giardino di una abitazione di via Lercaro a Ravenna, disidratato e malconcio ma apparentemente non incurabile e invece il giorno stesso venne soppresso da Guerra in accordo con i proprietari. Un morte che ha attirato l’attenzione della procura.

ESP AREA PLUS – HOME BILLB MID FISSO 22 11 – 08 12 21
CONAD CONSEGNA A DOMICILIO BILLB 03 – 31 12 21
RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21