L’OraSì cade in casa con Mantova e interrompe la brillante serie di fine anno

Basket A2 / Nonostante l’ottima prestazione di Giachetti i ravennati non riescono a stare a contatto con gli ospiti lombardi, che conducono dall’inizio alla fine

Ravenna-Mantova 90-96
(16-29, 40-47, 62-72)
ORASI’ RAVENNA: Giachetti 35, Sgorbati 1, Rice 27, Masciadri 3, Grant 12, Montano 4, Chiumenti 6, Raschi 2. Ne: Cinti, Vitale, Scaccabarozzi. All.: Martino.
DINAMICA GENERALE MANTOVA: Vencato 10, Brownridge 4, Moraschini 13, Jones 34, Candussi 18, Timperi 4, Cucci 10, Mei 2, Ferrara 1. Ne: Costanzelli. All.: Lamma.
ARBITRI: Ursi, Patti e Del Greco.
NOTE – Spettatori 2800. Ravenna: T2 19/38, T3 10/23, TL 22/29, rimbalzi 25; Mantova: T2 22/36, T3 11/25, TL 19/25, rimbalzi 39.

RAVENNA 23/12/2017. LNP Serie A2 Tredicesima Giornata OraSì Basket Ravenna VS Dinamica Generale Mantova.

Lotta sotto canestro nel corso del match tra OraSì e Mantova

Non basta un fantascientifico Giachetti per regalare un’altra vittoria all’OraSì. Vince 94-90 una Dinamica Mantova che davanti ai quasi tremila spettatori del Pala De André manda cinque uomini in doppia cifra, trascinata da un grande Bobby Jones, ma soprattutto è più continua nel corso di tutta la gara. La squadra giallorossa lotta con il cuore e riesce a rientrare in partita nel terzo quarto ma alla distanza viene punita dai falli (arbitraggio nel complesso molto discutibile) e vede la sua serie positiva fermarsi a quota cinque successi.

COOP SAN VITALE MRT MATER NATURAE 12 – 25 10 20

Inizio caldo per Ray Rice, che nel primo quarto segna la metà dei punti ravennati nel 10-5 al 3’. Ma è bollente Bobby Jones e anche grazie ai suoi 7 punti la Dinamica sorpassa e allunga (10-18). La Dinamica ha percentuali notevolissime al tiro che le consentono di chiudere il primo quarto con numeri da NBA: 67% e 43 di efficienza. Prosegue Mantova anche nel secondo parziale, ma l’ex Giachetti guida la riscossa dell’OraSì con due bombe (27-34). Grant si unisce alla lotta e dopo un tecnico a Moraschini l’OraSì pareggia con Rice e Giachetti e un parziale di 18-5. Stoppata di Grant e tripla di Rice per il primo vantaggio ravennate nel match (39-38) ma lo sprint finale è ancora della Dinamica, che colpisce dalla distanza per il nuovo, consistente vantaggio a metà gara (40-47) propiziato da una media sempre notevole al tiro: 56%.

Si riparte nella terza frazione con terzo fallo inventato e tecnico a Montano: Mantova ringrazia con un Candussi in stato di grazia e arriva sul 44-55. Un grande Rice tiene a galla l’OraSì (54-60) ma cinque punti di Jones, con una bomba sulla sirena, tagliano le gambe alla rimonta romagnola (62-72). Ci si mette poi anche un arbitraggio pessimo (tecnico a Martino dopo l’ennesimo fallo inventato alla difesa) a innervosire ulteriormente Ravenna (64-79) all’inizio dell’ultimo quarto. Giachetti non si arrende mai (75-84) , tripla di Rice per il meno 6, tecnico questa volta alla Dinamica e gioco da tre di Giachetti (81-84), ma Mantova poi con i liberi di Jones e Candussi tiene il vantaggio e prolunga la sua serie positiva affiancando l’OraSì in classifica.

Le dichiarazioni del dopo-gara
Antimo Martino (allenatore OraSì Ravenna): «Innanzitutto faccio i complimenti a Mantova, che ha vinto con merito e con personalità su un campo difficile come il nostro. I demeriti della mia squadra sono stati l’energia messa in campo, le voci di cui non a caso avevo parlato nel prepartita. Dovevamo fare qualcosa di diverso invece abbiamo preso 14 rimbalzi in meno. Ci solleva un po’ dalla responsabilità il fatto che i tre lunghi di Mantova hanno segnato con continuità tutti assieme sopperendo alla grande ai punti mancati da Brownridge e Mei. I nostri lunghi hanno perso un po’ di fiducia per questo. Un po’ comunque ci abbiamo provato soprattutto con i giocatori più in condizione. Non ci siamo regalati un Natale più sereno, ma non dimentichiamo le cinque vittorie consecutive, che non mi avevano però fatto scordare la difficoltà di questa partita. Mantova ha vinto qui e a Montegranaro, ma ha i nostri punti e con lei ci batteremo per andare ai playoff. Il segnale è che ogni volta c’è da lottare e battagliare stiamo con i piedi per terra, perché non bisogna farsi prendere dall’entusiasmo generale. Ribadisco che dobbiamo lottare per i playoff senza guardare alle primissime posizioni, perché non siamo stati costruiti per questo. Contenti delle vittorie precedenti, umili e realisti, perché abbiamo perso contro un’ottima squadra».

Risultati (13ª giornata): Andrea Costa Imola Basket-De’ Longhi Treviso 79-62, Unieuro Forlì-Termoforgia Jesi 85-82, Agribertocchi Orzinuovi-Tezenis Verona 89-93, Alma Pallacanestro Trieste-Assigeco Piacenza 92-60, Bondi Ferrara-Bergamo 103-58, OraSì Ravenna-Dinamica Generale Mantova 90-96, G.S.A. Udine-XL Extralight Montegranaro 79-75, Consultinvest Bologna-Roseto Sharks 68-56.

Classifica: Trieste 24 punti; Montegranaro, Udine e Bologna 18; Mantova e Ravenna 16; Jesi e Verona 14; Imola e Ferrara 12; Piacenza, Treviso e Forlì 10; Orzinuovi e Bergamo 6; Roseto 4.

STUDIO MARTINI ADV FLESSIBILITA LEAD TOP 19 – 25 10 20
CONAD APERTI BILLB 22 03 -31 10 20
REGIONE ER PARTECIPAZIONE LEADERB BOTTOM 19 10 – 11 11 20
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 20