Una settimana di azioni contro il razzismo

 

A marzo si svolge la settimana d’azione contro il razzismo. Il 21 marzo 1960 a Sharpeville forze dell’ordine sudafricane spararono sui manifestanti che protestavano contro l’Urban Areas Act, che imponeva ai sudafricani neri di esibire uno speciale permesso, se venivano fermati nelle aree riservate ai bianchi. Furono uccise 69 persone. Le Nazioni Unite condannarono duramente il massacro e nel 1966 istituirono il 21 marzo come la Giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale.

Nel mese di marzo in tutto il mondo si organizzano campagne ed iniziative per ricordare una delle pagine più sanguinose dell’apartheid in Sudafrica e sensibilizzare l’opinione pubblica. In Italia l’Ufficio nazionale anti discriminazioni razziali (Unar) promuove la Settimana di azione contro il razzismo.Molte le iniziative organizzate in questo senso a Ravenna. Ve ne segnaliamo alcune che consigliamo.

Giovedì 12 marzo alle 18 al Cinema Corso in via di Roma si terrà la proiezione del film: Stranger in paradise di Guido Hendrikx (Paesi Bassi 2017, 72’). In un’aula scolastica in Sicilia, alle porte della Fortezza Europa, dei rifugiati recentemente sbarcati assistono alla lezione di un insegnante dal comportamento decisamente scostante: prima li redarguisce, poco dopo si placa e gli dà il benvenuto. Al confine tra documentario e finzione, il film indaga i rapporti di potere tra Europa e migranti. L’Europa è rappresentata dall’insegnante, che porta all’esasperazione la classe prima con dichiarazioni provocatorie, poi con un benvenuto carico di complessi di colpa, e un atteggiamento frutto del compromesso tra i due estremi. Stranger in Paradise è un implacabile saggio sui meccanismi attraverso i quali l’Europa affronta la ricerca di felicità dei rifugiati. Il regista racconta: “Ho cercato di guardare alla Terra come dall’alto, evitando qualsiasi giudizio morale. In Sicilia incontrai alcuni dei migranti appena sbarcati, ed i loro sogni pieni di speranza per il futuro sembravano scontrarsi con un’Europa che aveva molto poco da offrirgli. Mi aveva colpito come chi è “felice” tratta il desiderio di felicità degli altri, ho sempre voluto rendere questo rapporto di potere non solo visibile, ma percepibile”. Girato in Sicilia, in 3 atti che si svolgono in un’aula, in una situazione claustrofobica, che enfatizza/ accentua quel rapporto di forza. I protagonisti sono migranti, arrivati da alcuni giorni o da poche settimane. Dopo il film seguirà il dibattito con Virginia Costa (Servizio centrale SIPROIMI), Umberto Curi (Università di Padova), Carlo Galli (Università di Bologna) e Massimo Veneziani (Tg3-Rai).

L’evento è organizzato da Università di Bologna, dipartimento di scienze giuridiche, campus di Ravenna e Comune di Ravenna, assessorato all’immigrazione.

CENTRALE LATTE CESENA BILLB 03 – 16 05 20
RAVENNANTICA MOSTRE TAMO BILLB TOP 08 04 – 30 06 21
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 31 05 21
EROSANTEROS POLIS – HOME E CULT BILLB TOP – 01 – 16 05 21