Il valore della casa fra proprietà e investimento: compravendite, affitti, fiscalità

Mercato Immobiliare AsppiRiflessioni e confronti sulla situazione attuale, in Italia e a Ravenna, in un incontro a più voci fra esperti, promosso dall’Asppi provinciale, giovedi 6 dicembre (ore 20.30) all’NH Hotel in centro a Ravenna

È ancora conveniente investire nel mattone? Conviene comprare, vendere o affittare? Sono queste le domande chiave per chi si affaccia oggi sul mercato immobiliare sia per acquistare o cambiare casa, sia per verificare opportunità di investimento, in una fase economica del Paese parecchio incerta.
Sono domande a cui cercherà di dare una risposta un importante convegno promosso dall’Asppi, l’associazione dei piccoli proprietari immobiliari della provincia di Ravenna. L’incontro, che darà la parola a diversi esperti del settore, è in calendario giovedì 6 dicembre, alle ore 20.30, nella sala dell’NH Hotel in piazza Mameli a Ravenna.

«Nell’anno del nostro 70esimo anniversario – afferma il presidente dell’Asppi provinciale, Silvio Piraccini – con questa conferenza a più voci invitiamo la cittadinanza ad un momento di formazione e confronto sul mondo della casa e il suo valore oggi».
Un approfondimento a partire dall’andamento del mercato immobiliare a Ravenna e degli investimenti nel mattone oggi, fino all’evoluzione dei contratti concordati e delle novità relative al quadro fiscale.
Fra i temi che saranno messi a fuoco in occasione dell’incontro pubblico, il presidente Piraccini si sofferma sulle questioni che più interessano i piccoli proprietari di immobili partendo dal quadro legislativo generale sulla casa e sul fatto che «sarebbe utile e produttivo per lo sviluppo del mercato il superamento di tutte le normative, anche di ordine fiscale, che scoraggiano l’investimento in immobili destinati all’utilizzo diretto o all’affitto nel settore abitativo e commerciale».

A proposito del settore della locazione l’Asppi è impegnata perché venga inserita a regime, o almeno per una durata quinquennale, l’aliquota agevolata del 10% per le locazioni a canone concordato che oggi, invece, è prevista solo per un biennio.
«È fondamentale istruire i proprietari che decidono di affittare il proprio immobile – rammenta il presidente dell’associazione ravennate – sulle opportunità di assicurare il proprio investimento con prodotti specifici che anni fa non erano presenti e sfatare quindi l’idea che affittare è troppo rischioso. Per i piccoli proprietari è indispensabile rendere praticabile la possibilità di optare per il regime fiscale basato sulla cedolare secca anche per le locazioni non abitative. Per questo l’ipotesi designata nella Legge di Stabilità 2019 andrebbe rivista perché sia meglio definita e maggiormente praticabile dai proprietari».

Ravenna Veduta Aerea

Veduta area dell’area urbana di Ravenna

«Inoltre – precisa Piraccini – per Asppi sarebbe un fatto di giustizia allargare a tutti i Comuni i benefici fiscali legati ai contratti a canone concordato, oggi previsti solo per le città ad alta tensione abitativa o per quei comuni in cui era stato dichiarato lo stato di emergenza nazionale».
Riguardo a questo, l’Asppi invita tutti coloro che hanno un contratto concordato applicato nei comuni (non ad alta densità abitativa come Cervia, Alfonsine, Russi, Bagnacavallo ecc.) della provincia di Ravenna, su cui hanno pagato la cedolare secca al 21%, a contattare l’associazione per valutare come ottenere il rimborso delle imposte pagate in più negli ultimi anni.
«In questi periodi di crisi e di aumento della povertà e della precarietà del posto di lavoro – conclude il presidente Piraccini – occorre il ripristino delle risorse per gli interventi di sostegno alle famiglie di inquilini in maggiore difficoltà previsti dalla Legge 431/98 anche come misura di contrasto alla morosità».

Nel dettaglio della serata, oltre l’intervento d’apertura del convegno del presidente provinciale Asppi, Silvio Piraccini, e ai saluti dell’amministrazione comunale di Ravenna, da parte dell’assessore alle attività produttive, Massimo Cameliani, sono in programma gli interventi di Alberto Gualdrini (presidente provinciale Anama Confesercenti) su “L’andamento del mercato Immobiliare a Ravenna”, del ragioniere Davide Canali (responsabile di Asppi Ravenna e Responsabile Caaf Fabi) riguardo al tema “Investire nel mattone conviene ancora? Cosa fare delle seconde case, vendere o affittare? Come affittare e dormire sonni tranquilli”, dell’avvocato Silvia Maroni (vicepresidente Asppi Ravenna) e del ragioniere Michele Strocchi a proposito della “Evoluzione dei contratti Concordati delle Asseverazioni e dei vantaggi fiscali, ad un anno dai nuovi accordi”, di Massimo Fesani (Banca Mediolanum) che parlerà di “Mutui per acquisto e ristrutturazione”.
Le conclusioni sono affidate all’onorevole Alfredo Zagatti (presidente Asppi nazionale) che dedicherà il suo intervento a “Legge di stabilità e al 70° anniversario di fondazione dell’Asppi”.

Per informazioni e prenotazioni tel. 0544 470102 – info@asppi.ra.it

NUVOLA – HOME BILLB TOP 19  11 – 16 12 18