Sangue di Giulia sui jeans di Matteo, dna di un altro uomo sotto le unghie di lei

Diciassettesima udienza / Audizione del direttore tecnico della sezione di genetica forense della polizia scientifica, consulente dell’accusa: tracce genetiche sul bastone che ha colpito la donna

RAVENNA 01/12/2017. PROCESSO CAGNONI PER OMICIDIO BALLESTRI

La pubblica accusa

Su un paio di jeans di Matteo Cagnoni trovati nella casa dei genitori a Firenze ci sono tracce di sangue della moglie Giulia Ballestri, sotto almeno quattro unghie delle mani della donna c’è dna maschile che non è del marito e non è dell’amante Stefano Bezzi ma il dna di Cagnoni è insieme al sangue della vittima sul bastone dell’aggressione. La genetica forense entra nel processo che vede alla sbarra il 53enne per l’omicidio della 39enne, trovata senza vita il 19 settembre 2016 nella villa disabitata di proprietà della famiglia dell’uomo in via Padre Genocchi a Ravenna: nella 17esima udienza davanti alla corte d’assise è stata ascoltata Alessandra La Rosa, direttore tecnico capo biologo della prima sezione di genetica forense della polizia scientifica di Roma e consulente dell’accusa.

Il bastone
Nella villa è stato trovato un bastone di 55 cm di lunghezza e 6 cm di diametro che per gli esperti di botanica è pino domestico come quelli che erano stati abbattuti nella villetta dei coniugi al mare e come quello che era accatastato nella cantinetta dell’abitazione familiare in via Giordano Bruno. Sopra c’è il sangue di Giulia e il dna del marito. C’è anche un altro dna maschile ma in quantità ritenute minime. La Rosa risponde alla domanda del pm Cristina D’Aniello dicendo che la quantità di tracce di dna maschile di Cagnoni è compatibile con il rilascio che si avrebbe impugnando il ramo come arma per colpire una persona.

I pantaloni
A Firenze, nella villa dove vivono i genitori di Matteo e dove l’imputato è andato il giorno stesso dell’omicidio (16 settembre) e dove è stato arrestato all’alba del 19 settembre, la polizia ha sequestrato un paio di jeans su cui sono state isolate tracce ematiche riconducibili alla vittima. La compatibilità statistica è elevatissima, come spiega La Rosa.

La scheggia di legno
Nella tasca anteriore del pantalone, insieme ad alcune monete, c’è una scheggia di legno compatibile con il tipo di bastone ritrovato nella villa dell’omicidio. Sulla scheggia c’è il sangue di Giulia. Diverse schegge dello stesso tipo, ma non sporche di sangue, si trovano anche nel baule di una delle due auto dei coniugi, la Chrysler Voyager che di solito usava la donna e che resta in sosta per sette minuti davanti alla villa di via Genocchi nel pomeriggio prima dell’omicidio.

La maniglia dell’auto
C’è sangue di Giulia sulla maniglia del pianale nel bagagliaio della Mercedes Classe C che Cagnoni usa per andare da Ravenna a Firenze nel pomeriggio del 16 settembre, cioè poche ore dopo che secondo gli inquirenti è avvenuto l’omicidio.

Le impronte
Nella cantina del massacro ci sono numerose impronte lasciate dall’assassino. Due in particolare sono molto evidenti e mostrano il palmo delle mani, su uno spigolo del muro e su un lato di un frigorifero. Il sangue è quello di Giulia, per la genetista incaricata dall’accusa. Le minuzie delle impronte corrispondono a quelle di Cagnoni, secondo la polizia scientifica di Bologna ascoltata nelle udienze passate.

I cuscini
Nella casa di Firenze vengono recuperati due cuscini verdi all’interno di una cantinetta in disordine: secondo gli investigatori sono quelli che mancano da due poltroncine nel salotto al piano rialzato della villa dell’omicidio. I due cuscini sono sporchi di macchie scure: l’esame del dna dice che è sangue di Giulia.

Le unghie
Sotto quattro unghie delle mani della vittima ci sono tracce consistenti di dna maschile (in quantità minore anche sotto altre dita): non c’è compatibilità con quello del marito e nemmeno con quello dell’amante. Su questo aspetto ci si aspettava battaglia dalla difesa ma così non è stato: l’avvocato Giovanni Trombini si è limitato a sottolineare la circostanza. È plausibile che ci tornerà quando verrà raccolta la deposizione del consulente della difesa per la genetica.

RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21
ORIGINAL PARQUET BILLB MID FISSO 18 – 24 10 21
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 31 10 21