Una donna a chi deve chiedere aiuto per non farsi ammazzare?

Amici, avvocati, forze dell’ordine, associazioni antiviolenza: Ilenia Fabbri ha raccontato a tutti le sue paure di essere uccisa dal marito Claudio Nanni ma il 6 febbraio 2021 è stata sgozzata da un uomo che ha confessato di essere stato mandato dal compagno

8Quante volte una donna spaventata deve chiedere aiuto per essere presa sul serio? A chi deve chiedere aiuto per non morire? Quanto devono essere rossi i segni sul collo per accendere l’allarme? Tocca farsi queste domande dopo la quarta udienza in corte d’assise a Ravenna per l’omicidio di Ilenia Fabbri il 6 febbraio 2021.

Non sottovalutate i segnali, non abbiate vergogna a chiedere aiuto, non aspettate a denunciare: avete letto il repertorio classico dei consigli forniti da chi si occupa di violenza di genere. La 46enne li ha seguiti tutti. Ne ha parlato con gli amici e le amiche, i più intimi e i più superficiali; ne ha parlato con l’avvocata che la seguiva per la separazione e le ha fatto vedere le foto dei postumi di una presa al collo; ha fatto denunce alle forze dell’ordine; si è rivolta a un centro antiviolenza. Tutti sapevano tutto. E chissà quanto le sarà costato mettersi a nudo visto che, parola degli amici, «era riservata e non voleva mai chiedere aiuto». Chi altri avrebbe dovuto avvisare?

7

Francesco Furnari e Veronica Valeriani, rispettivamente il difensore di Claudio Nanni e la parte civile per Arianna Nanni

Negli ultimi tre anni di vita, agli amici di qualunque livello – da quella che la conosceva dai tempi dell’asilo alla vicina di casa con cui cominciò a prendere il caffè ai tempi del lockdown per farsi compagnia – ha detto che il marito l’avrebbe uccisa. «Ilenia aveva paura perché pensava che Nanni avrebbe pagato qualcuno per farla fuori». L’hanno ripetuto in cinque in udienza. È pure il castello accusatorio della procura: l’ex marito Claudio Nanni mandò Pierluigi Barbieri pagato ventimila euro e un’auto usata. Il sicario è reo confesso, il presunto mandante dice che aveva dato incarico solo di spaventarla. Anche prendendo per buona la versione dell’imputato, Ilenia avrebbe comunque rimediato un sacco di botte.

2

Pierluigi Barbieri, il sicario reo confesso dell’omicidio di Ilenia Fabbri il 6 febbraio 2021 a Faenza

Tra le parti civili ammesse al processo c’è Sos Donna, associazione antiviolenza di Faenza a cui si rivolse Ilenia. «Mi disse che ci era andata – ha testimoniato un amico –. Ma mi disse anche che non l’avevano aiutata».

La legale che invece la seguiva nella causa di separazione ha ricordato che la donna si rivolse due volte alle forze dell’ordine: «Un giorno mi disse che l’avevano mandata a casa perché avevano casi più gravi del suo». La stessa legale che aveva ricevuto le foto con i graffi sul collo dopo un’aggressione domestica e si era stupita quando la 46enne aveva manifestato l’intenzione di fare testamento: «Ma Ilenia, ha intenzione di morire?». No, lei non ne aveva intenzione.

1

Claudio Nanni in tribunale a Ravenna durante il processo in cui è accusato di essere il mandante dell’omicidio della moglie Ilenia Fabbri

Addirittura Nanni stesso andava a giro a cercare sicari con la facilità con cui si cerca un idraulico. In aula è entrata una donna che l’ha incontrato due o tre volte e in una di queste in un ristorante si è sentita chiedere se conoscesse qualcuno disponibile per far fuori la coniuge.

E infine bisogna ricordare che l’unico giudice che si è mai occupato di Ilenia in vita è stato quello della causa per la separazione. A settembre 2017 stabilì che i due coniugi in rotta potessero restare nella stessa casa senza scadenze (lui se ne andò a maggio 2018 ma non finirono le vessazioni).

4

Arianna Nanni si è costituita parte civile contro il padre Claudio e Pierluigi Barbieri

A chi deve chiedere aiuto una donna per non morire? Al massimo Ilenia avrebbe potuto ottenere un divieto di avvicinamento per l’ex marito. Che non gli avrebbe impedito di cercare Barbieri per farla uccidere o picchiare.

Qualcuno pensa che un giorno si riuscirà a impedire che le donne vengano uccise da compagni/mariti/amanti? Allora ci dica chi le salverà, ci dica quali nuovi strumenti avremo in futuro, perché Ilenia Fabbri ha tentato con tutto quello che abbiamo a disposizione oggi ma ora è al cimitero.

Ravvena&Dintorni: l'editoriale
ESP AREA PLUS – HOME BILLB MID FISSO 22 11 – 08 12 21
CONAD CONSEGNA A DOMICILIO BILLB 03 – 31 12 21
RAVENNANTICA MOSY NUOVO BILLB 17 09 – 31 12 21