Un grande libro, fatto di vite quotidiane, firmato Sally Rooney

Sally Rooney Persone NormaliCosa significa essere persone normali? Come si diventa adulti? Cosa e chi del mondo esterno ci condiziona e come nelle nostre scelte di vita?

Acclamato dalla critica internazionale, il secondo romanzo della giovane irlandese Sally Rooney, Normal People (in italiano Gente normale, pubblicato da Einaudi per la traduzione di Maurizia Balmelli) è un’immersione nella vita e nell’animo di due persone che nell’arco di quattro anni continuano a incrociarsi, incontrarsi, amarsi, capirsi e influenzarsi a vicenda.

Li conosciamo quando sono all’ultimo anno di liceo in provincia e li seguiamo fino all’università a Dublino. Lei figlia di una famiglia benestante ma fortemente disfunzionale, con un rapporto conflittuale con madre e fratello. Lui figlio della donna delle pulizie di quella famiglia, una giovane ragazza madre capace di essere più famiglia e punto di riferimento che mai con una naturalezza invidiabile. Entrambi i protagonisti impegnati a cercare un posto nel mondo, rispetto agli altri, alle proprie famiglie. Si feriranno a vicenda, si perderanno e lasceranno e riprendenranno condizionando continuamente le loro esistenze senza nemmeno rendersene conto.

Una scrittura semplice, a tratti essenziale, con i dialoghi mescolati con la narrazione senza soluzione di continuità, la focalizzazione del narratore che si sposta da lei a lui, con la stessa profondità, accuratezza, interesse.

Un romanzo fatto di “nulla” se non della sostanza delle vite di due giovani d’oggi tra paure, incertezze, sorprese, occasioni perse e colte. Sullo sfondo una società ancora fortemente classista, un’università e una città come Dublino sempre più “per ricchi”, come ormai un po’ tutte le capitali europee, il rapporto con gli amici d’infanzia.

Particolarmente riuscito il capitolo dedicato alla depressione per la capacità di raccontare una condizione umana per la verità molto frequente senza perdersi in moralismi, facili ricette, banalità. È il tocco con cui Rooney tocca questa materia così quotidiana a rendere il libro tanto interessante, senza sentimentalismi, senza retorica, spogliato di ogni parola in più, così ellittico nei salti temporali da un capitolo all’altro.

Un libro davvero fatto di vite quotidiane, di gente sì, assolutamente normale, per confermarci se ce ne fosse bisogno, che per fare della grande letteratura non necessariamente servono grandi storie.

CONSAR BILLB 07 – 24 01 21
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 31 01 21
RECLAM RPQ WEB MASTER BILLB 15 – 31 01 21
COFARI HOME LEAD 14 12 20 – 24 01 21