Il senso dell’ospitalità

Progettazione architettonica, turismo e tempo libero

Una ricognizione attuale sul rapporto fra architettura, urbanistica, interior design e impresa turistica attraverso l’esperienza di  professionisti e amministratori pubblici come Studio Simonetti (Rimini), Fabrizio Fontana/Archlabo (Ravenna e Milano Marittima), Daniela Poggiali e Roberto Fagnani (rispettivamente diringente e assessore a Cervia e Ravenna). A partire dai “cantieri in divenire” della riviera romagnola e oltre.

Nel lungo corso partito nel 2013 delle serie di incontri/confronti “SeDici Architettura” (finora 34 conferenze con oltre 60 relatori e ospiti esperti) non poteva mancare un’appuntamento dedicato al rapporto fra progettazione urbanistica, architettonica, arredo urbano, interior design e turismo, inteso come infrastrutture e strutture dell’ospitalità, locali e spazi per la cultura e il tempo libero. La sempre declamata, ancora tutta da sviluppare in forme innovative, vocazione turistica della Romagna e i dati confortati dell’ultima stagione – sia a livello del bacino di ricezione locale che va dai lidi ferraresi a quelli riminesi sia come sistema Paese – rendono questo tema più che mai attuale.
Così, partendo dall’esperienza contemporanea di architetti, designer, dirigenti e amministratori pubblci impegnati sul campo, non solo si può evidenziare quali progetti hanno funzionato e stanno funzionando per far crescere il sistema delle imprese turistiche ma anche quali prospettive si possono intravedere in futuro nel rapporto fra professionisti del progetto di qualità, aziende private e pubbliche amministrazioni.
Per questo sono stati invitate figure di rilievo del settore per raccontare esperienze, idee e buone prassi, concorsi di progetto realizzati o ancora da svolgere, per dare un nuovo senso all’ospitalità turistica, sia come qualità del vivere ma anche come impresa economica sostenibile.
Ecco i loro profili in occasione dell’incontro/confronto del 28 settembre nell’emblematico spazio dei Magazzini del Sale di Cervia.

Massimo Simonetti – Studio Simonetti – Rimini

Nelle foto, gli interni di alberghi e resort di lusso a Torino, Courmayeur, Genova e Lago di Garda realizzati su progetto dello Studio Simonetti di Rimini

Nato professionalmente all’inizio degli anni ’70, Massimo Simonetti, dopo importanti esperienze nel campo del design industriale, decide di indirizzare la propria vena creativa anche al mondo dell’interior design. Fonda così lo Studio Simonetti, che si afferma tra i leader nella progettazione alberghiera realizzando oltre quaranta alberghi (più di 3.000 camere), tra cui numerosi cinque stelle lusso. Tutti i suoi progetti sono caratterizzati da uno stile unico, senza tempo, svincolato dalle mode e dalle tendenze. Lo Studio Simonetti è formato da un team di architetti e interior designer, e realizza masterplanning, progetti architettonici e di interior design, e fornisce consulenza tecnica per l’ideazione di nuovi concept e format alberghieri. Quaranta anni di attività, la storia di un successo professionale testimoniato da riconoscimenti e premi, che si rinnova in ogni progetto con soluzioni capaci di coniugare estetica, funzionalità e design.
Fabrizio Fontana – Archlabo
Ravenna, Milano Marittima
Laureato in architettura a Firenze e collaboratore didattico all’Università di Ferrara, fonda nel 1993 il gruppo di lavoro Archlabo (Ravenna e Milano Marittima). Lo studio si occupa di progettazione architettonica, restauro conservativo, urbanistica e arredo urbano per committenze pubbliche e private. Ha firmato diversi progetti residenziali e turistico-ricettivi a Cervia-Milano Marittima e sulla riviera ravennate, fra cui, recentemente il recupero conservativo dell’ex Cral Salinari e la ristrutturazione funzionale del Magazzino del Sale Darsena a Cervia.
Daniela Poggiali Architetto,
Dirigente Comune di Cervia
Laureata in Lettere, Conservazione dei Beni Culturali e in Architettura, Daniela Poggiali è attualmente dirigente del settore Cultura, Turismo e Servizi alla Persona e Progetto Patrimonio del Comune di Cervia. Recentemente si è occupata di bandi e progettidi gestione di importanti strutture storiche e a valenza turistica della città (Magazzino del Sale Darsena, ex Cral Saline, Woodpecker, Kursaal Lido, Porto turistico di Cervia, interventi di riqualificazione e arredo urbano).
Roberto Fagnani
Assessore LL. PP. Comune di Ravenna

Alcuni scorci della riviera ravennate, interessata da un bando internazionale per la riqualificazione delle aree restrostanti le spiagge;uno schizzo per il progetto di un nuovo palasport e una vista dall’alto della Rocca Brancaleone

Assessore ai Lavori Pubblci della giunta ravennate guidata dal sindaco Michele De Pascale ha avviato un importante intervento per la riqualificazione di infrastrutture, servizi e arredi delle aree retrostanti le spiagge ravennati messo a concorso con un bando internazionale per un valore complessivo di 10 milioni di euro. A cui si aggiunge recentemente il progetto di fattibilità – preparato internamente dagli uffici comunali – di una nuova struttura polivalente (sport, fiere, eventi, concerti…)nell’area del Pala De André a Ravenna, da 6mila posti e 15 milioni di euro di budget.
Cantiere Cervia

Nelle immagini edifici storici, rendering di progetto e realizzazioni di riqualificazione di strutture per  la fruizione turistica e il tempo libero di Cervia e Milano Marittima

Negli utlimi anni il Comune di Cervia ha intensificato le iniziative di valorizzazione del patrimonio storico pubblico a fini di rigenerazione urbana e turistica. Recentemente è andato a buon fine il bando per la riqualificazione dell’ex Cral Salinari inaugurato come Officine del Sale. Il progetto di recupero conservativo firmato dall’architetto Fabrizio Fontana di Archlabo e presentato dalla società Gestint di Alessandro Fanelli ha trasformato lo storico edificio in caffè letterario con libreria, bottega di prodotti del territorio, osteria marinara e ristorante o semplice luogo d’incontro polivalente.
Assegnato anche il concorso per il recupero funzionale del Magazzino Sale Darsena, grande struttura per decenni abbandonata poi ristrutturata senza un preciso destino e ora invece in procinto di essere rivitalizzata come percorso termale tra sale e opere d’arte, un palco per la musica dal vivo, un cortile per eventi televisivi, uno studio radiofonico, uno show room di moda, un attracco per le barche e chioschi con cibo di qualità e cucina a vista. Quasi due i milioni l’investimento della cordata di privati vincitori del bando al quale si aggiungono i 2,85 milioni della Regione ed i due milioni del Comune. Prossime tappe sono le gara per la progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori. Nel 2019 è prevista l’apertura del nuovo Magazzino.
Altro obiettivo di concorso pubblico per il recupero funzionale e la gestione del Kursaal Lido, storico spazio di intrattenimento turistico. Il bando prevede un progetto per sistemare la struttura come luogo innovativo di aggregazione e turismo con servizi di bar e ristorazione, attività ludiche, ricreative e di intrattenimento.
Infine è stato aperto un bando anche per il Woodpecker, ora abbandonato nel retroterra di Milano Marittima, storica discoteca degli anni ’60 caratterizzata da una struttura avveniristica con cupola in vetroresina, ideata dall’architetto Filippo Monti. Lo scopo, tracciato in base alle suggestioni emerse dal laboratorio partecipativo “Qui è ora” che ha  coinvolto i cittadini è la realizzazione di «un parco moderno dove si potrà ascoltare musica ma anche vivere la dimensione delle arti in generale, dal cinema alle esposizioni agli spettacoli. Un polo culturale che avrà anche la possibilità di ospitare il pubblico per cene, aperitivi e degustazioni, tutto l’anno».
Cantiere Ravenna
Di notevole valenza turistica è il bando di concorso internazionale (pubblicato a fine agosto sul sito istituzionale del Comune di Ravenna – http://bit.ly/stradelli – e aperto fino al 17 novembre) per la progettazione della riqualificazione delle fasce retrodunali gli stabilimenti balneari e dei relativi stradelli di accesso. Il concorso – istruito dagli assessorati comunali ai lavori pubblici e all’urbanistica – può contare su di un budget di 10 milioni di euro. «Vogliamo individuare la migliore scelta progettuale possibile – ha dichiarato il Sindaco di Ravenna – e attirare i migliori professionisti, in grado di presentare proposte innovative, efficaci e con una visione contemporanea. Immaginiamo le aree retrostanti gli stabilimenti balneari, gli stradelli di accesso e le fasce retrodunali come percorsi turistico-naturalistici, luoghi di incontro, di aggregazione, di svago e di relax accessibili a tutti».  La progettazione dovrà avere come obiettivo principale la riorganizzazione dell’accessibilità alla fascia retrodunale e la valorizzazione di un territorio complesso, che si estende per 35 chilometri, con nove località balneari, alternando spiagge attrezzate per la balneazione a tratti liberi ed includendo due ampie porzioni, foce Reno e foce Bevano, di rilevante interesse naturalistico-ambientale. I progetti presentati dovranno avere un livello di approfondimento pari a quello di un progetto di fattibilità tecnica ed economica.
Recentemente il Comune di Ravenna (Assessorato ai Lavori Pubblici) ha presentato anche un progetto di fattibilità di un nuovo palazzetto dello sport che dovrebbe sorgere nell’area del Pala De André, con superficie coperta di circa 6.500 metri quadrati, capienza massima di 6mila posti a sedere e costo di circa 15 milioni di euro. La struttura denominata quale “spazio polivalente“ per sottolineare la molteplicità delle sue funzioni (campionati sportivi, concerti, eventi congressuali e fieristici), dopo le fasi di progettazione – che nelle intenzioni del Comune saranno affidate agli uffici tecnici interni – e la gara d’appalto, l’obiettivo è di avviare i lavori a inizio 2019 per ultimare l’opera nel 2021.
Infine, da segnalare, gli interventi di restauro della Rocca Brancaleone, grazie ad un finaziamento annunciato dal Mibact di 5 milioni di euro,  per il consolidamento delle mura, il recupero degli spazi interni e l’ottimizzazione dei servizi per l’antico manufatto. Va ricordato che la cittadella fortificata veneziana del XV secolo, non solo ha una valenza monumentale inserita nei percorsi storici della Ravenna città d’arte ma puo avere anche funzione di spazio culturale (già utilizzato in passato) per eventi musicali, teatrali e cinematografici.

AGENZIA MARIS BILLB CP 25 02 03 20 – 31 10 21
CONAD APERTI BILLB 22 03 20 – 30 11 21
RECLAM RPQ WEB MASTER BILLB 15 01 – 31 10 21
AGENZIA CASA DEI SOGNI BILLB 20 03 20 – 31 10 21