Cobalamina per i globuli e i nervi: attenzione alle diete vegane o vegetariane

Alla scoperta della vitamina B12: una carenza può a lungo termine provocare gravi danni

IL NOSTRO APPROFONDIMENTO SULLA  VITAMINA B13

IL NOSTRO APPROFONDIMENTO SULLA VITAMINA B15

IL NOSTRO APPROFONDIMENTO SULLA  VITAMINA D

IL NOSTRO APPROFONDIMENTO SULLA VITAMINA A

IL NOSTRO APPROFONDIMENTO SULLA VITAMINA H

PesceLa vitamina B12 è conosciuta anche come Cobalamina e spesso se ne sente parlare quando si affrontano le problematiche delle diete che tendono ad escludere in parte o totalmente cibi di origine animale come quella vegetariana o vegana.
Al nostro corpo serve quotidianamente un piccolo quantitativo di vitamina B12 (tra i 2 e i 3 mcg) ma quel poco è davvero essenziale: una carenza infatti può, a lungo termine e se sottovalutata, provocare gravi danni. E il problema nasce dal fatto che il nostro organismo non è in grado di sintetizzarla da solo ma deve necessariamente assumerla con l’alimentazione.

Funzioni
Prima di tutto va detto che la vitamina B12 è fondamentale per la formazione dei globuli rossi di cui promuove la crescita e che lavora in sinergia con l’acido folico nella sintesi di Dna e dell’Rna aiutando quindi anche la formazione dei globuli bianchi che difendono il nostro organismo.
Contribuisce inoltre alla buona salute del sistema nervoso intervenendo nella creazione della guaina mielinica che avvolge i nervi.
È infine essenziale per la salute anche l’azione che ha sul metabolismo dell’omocisteina che contribuisce a tenere nei giusti livelli il colesterolo nel sangue.

Dove si trova e consigli per la manipolazione dei cibi
I cibi in cui questa vitamina è maggiormente presente sono carne, pesce, uova, latte e latticini. Anche i vegetali potenzialmente contengono B12 (viene infatti sintetizzata dai batteri presenti nella terra) ma la nostra abitudine di “stralavare” frutta e verdura prima del consumo è responsabile della quasi assenza di questa vitamina negli ingredienti di origine vegetale.
Si tratta per questo di uno dei pochi elementi che non sono presenti in maniera affidabile in un’alimentazione completamente a base vegetale. Infine è importante tenere presente che è instabile alla luce e termolabile (con la cottura si distrugge circa il 35/40% di vitamina B12).
Alimenti molto ricchi sono le uova, la carne, il latte e il formaggio ma è prodotta in grandi quantità anche dai batteri dell’apparato digerente.

La Ricetta
Raviggiolo sott’olio alle erbe aromatiche

Ingredienti per 4 persone: 400 grammi di raviggiolo freschissimo, 150 millilitri di olio extravergine di oliva, un mazzetto di erbe aromatiche miste (rosmarino, salvia, timo, maggiorana…), sale marino integrale, pepe macinato al momento
Preparazione: tagliare il raviggiolo a spicchietti e sistemarlo in un contenitore di vetro facendo il modo di lasciare meno spazi vuoti possibile. Condirlo con sale e pepe. Tritare grossolanamente le erbe aromatiche. Ora cospargere la superficie del formaggio con le erbe e coprire il tutto con l’olio stando ben attenti che non ci siano parti di formaggio scoperte. Lasciare riposare il tutto in frigorifero per almeno 2 giorni.