Un innovativo progetto di rigenerazione urbana in Darsena di città

L’idea è nata da un gruppo di professionisti del settore. Presentazione pubblica stasera, 29 luglio alle 18.15, al Salone dei Mosaici di piazza Kennedy

Rambelli Savorani Casadei Baldelli

Da sinistra: Emilio Rambelli, Fabrizio Savorani, Vanni Casadei Baldelli

Ecco un progetto innovativo per la ripartenza dell’edilizia e del mercato immobiliare a Ravenna. C’è del nuovo nel metodo di realizzazione – un team che mette assieme in partenza diverse figure professionali e “attori” del settore – e nel merito dell’edificazione che mira al recupero di un ex edificio industriale nella parte terminale della Darsena di città che si affaccia su via Trieste.

Il progetto sarà presentato, in tutti i particolari, dai tre principali ideatori dell’iniziativa imprenditoriale: il coordinatore Vanni Casadei Baldelli, dall’architetto Emilio Rambelli e dall’immobiliarista Fabrizio Savorani, in un incontro pubblico mercoledì 29 luglio, alle 18.15 al Salone dei Mosaici di piazza Kennedy.

Partiamo dal metodo. Che nasce dall’esigenza di interpretare lo stato attuale del settore delle costruzioni e del mercato immobiliare – da tempo depresso e fiaccato ulteriormente dall’emergenza Covid – che sconta una strutturale carenza di capitali, investimenti, liquidità finanziaria, supporto del sistema bancario, spiega il coordinatore del progetto Casadei Baldelli. Chi ha terreni e immobili da ristrutturare non riesce a vendere, le imprese edili e impiantistiche faticano ad aprire cantieri e a ottenere commesse, il settore immobiliare riesce a stento a incrociare domanda e offerta. Nasce così l’idea di costituire un gruppo di interesse che mette in campo capitale immobilizzato, competenze progettuali, tecniche e operative, di mercato, legali e fiscali, ognuno per la sua parte di rischio d’impresa, “scommettendo” sul buon esito del progetto.

Anche perché, commenta l’esperto di mercato immobiliare Fabrizio Savorani, la domanda c’è, e soprattutto dopo l’esperienza dell’epidemia, chiede case nuove, più spaziose, confortevoli, con spazi verdi, sicure, ecologiche e a risparmio energetico. E se sul mercato questa tipologia di abitazioni scarseggia bisogna cominciare a realizzarla, a costi ragionevoli. Qui entra in ballo l’ultimo anello della catena che dovrebbe consentire la realizzazione del progetto: gli acquirenti. Si sono già fatte avanti persone interessate, svela Savorani, in particolare giovani coppie, per la realizzazione della loro prima casa. Se questo interesse diventa una prelazione, in pratica un’acquisto della proprietà “sulla carta”, ecco che il progetto potrebbe partire concretamente. I compratori quindi sono fondamentali per mettere a frutto questo “metodo condiviso” di costruzione, peraltro sul piano finanziaro potrebbero accedere più facilmente a muti bancari e ai vari vantaggi fiscali oggi previsti dalle leggi sulla casa, particolarmente favorevoli per chi investe sul mattone.

Area Via Trieste 14

L’area su via Trieste interessata dal progetto di ristrutturazione residenziale

Entriamo nel merito delle costruzioni che interessano il capannone di una ex teloneria e le pertinenze di un’area in via Trieste 14, che rientrerebbero (con un cambio di destinazione d’uso residenziale) fra gli interventi di rigenerazione urbana in Darsena di città. Una zona di Ravenna che nei prossimi anni potrebbe essere al centro delle maggiori trasformazioni e vitalità sul piano urbanistico, abitativo e di aggregazionae sociale.
L’intervento, per ora definito in fase preliminare, rivela il progettista, l’architetto Emilio Rambelli di Nuovostudio, prevede la realizzazione di 10 unità abitative si di un’area di 1.500 metri quadrati. Abitazioni autonome con metrature variabili fra i 110 e i 140 mq., le più vaste dotate anche di un patio interno, realizzate con le tecniche e le dotazioni impiantistiche più avanzate sul piano del risparmio energetico che le collocano in classe A. Con rifiniture e vari confort personalizzabili in fase di costruzione.
Il prezzo d’acquisto delle abitazioni potrebbe variare fra 310 e 350mila euro, per un budget complessivo d’impresa di oltre 3 milioni di euro. Una volta partito il cantiere – con gli interventi operativi di aziende specializzate locali come “AlberoCasa”, Nuova Francesconi e MTB – si prevede la realizzazione completa del complesso residenziale in un anno.

I dettagli progettuali, operativi, finanziari, legali e fiscali, saranno illustrati nell’incontro di questa sera. Gli organizzatori, in ottemperanza delle norme anti-Covid, raccomandano a chi vuole partecipare la prenotazione al numero 0544 35411.

 

CONSAR HOME BILLB 08 – 30 09 20
ACCADEMIA DEL MUSICAL BILLB 17 09 – 04 10 20
CONAD APERTI BILLB 22 03 -30 09 20
REGIONE ER SCUOLA SICURA LEADERB BOTTOM 14 – 30 09 20
COFARI HOME LEAD MID 21 – 30 09 20