Fotografia, a Forlì le strade americane di Alessandra Dragoni e Cristiano Buffa

Dal 22 novembre al 31 dicembre alla libreria Marmo

Cristiano Buffa Unseen Web

Cristiano Buffa “Unseen”

Dal 22 novembre al 31 dicembre la libreria Marmo, in Corso Garibaldi 152-154 a Forlì, ospita “Ways” una bi-personale di Alessandra Dragoni e Cristiano Buffa che comprende scatti completamente inediti dei due autori.

Le strade del titolo sono quelle americane che i fotografi hanno percorso, separatamente, in momenti diversi della loro vita, ma entrambi agli inizi della loro frequentazione fotografica.

CIVICO 11 HOME MRT 05 – 19 12 19

Alessandra Dragoni presenta in mostra una selezione di fotografie in bianco e nero e a colori che risalgono agli anni ’80, quando l’autrice ravennate fece un viaggio in automobile attraversando tratti di Georgia, Alabama e Florida, accompagnata da una coppia di amici e la loro bimba, all’epoca residenti negli Stati Uniti.

Cristiano Buffa – milanese, membro attivo della Fonoteca Manfrediana di Faenza – espone invece delle fotografie in bianco e nero scattate a New York nei primi anni Duemila.

Per entrambi l’America è stata un serbatoio di immagini: “essere là ha spesso sortito l’effetto di un déjà vu – si legge nella cartella stampa –, come se la cultura visiva e letteraria che alcuni di noi hanno divorato a casa dall’altra parte dell’Oceano sia stata talmente potente e pervasiva da costituire una prima visita quasi-reale nel continente nuovo».

Alessandra Dragoni, Between Georgia And Alabama, 1986

Alessandra Dragoni, Between Georgia And Alabama, 1986

Dragoni e Buffa esplorano, così, il “quasi-reale” anche come metafora della fotografia stessa, un medium in cui coesistono, non sempre pacificamente, un’osservazione oggettiva e un’ermeneutica personale.

Il tema del ri-conoscere, del conoscere nuovamente qualcosa di cui si era fatto esperienza non direttamente, ma attraverso stimoli e suggestioni culturali, è presente in entrambi i progetti esposti; in più, per Dragoni il riconoscere si confonde nella riconoscenza, nella gratitudine verso alcuni master che hanno fatto la storia della fotografia americana.

“Se, da un lato, entrambi i fotografi sono qui agli esordi della loro ricerca e quindi condividono una certa ingenuità e spontaneità – si legge ancora nel comunicato inviato alla stampa –, dall’altro il metodo di lavoro con cui realizzano questi primi scatti è diverso: per Dragoni si tratta di primi tentativi, di un approccio quasi naif, per cui le sue scelte d’inquadratura o, più in generale, la sua intenzionalità fotografica contengono ancora poche tracce di quelli che diventeranno consapevoli punti di riferimento artistico solo in un secondo momento. Per Buffa, invece, si tratta di un tentativo di distacco dalla cultura di cui era già imbevuto, per cercare una casualità, intesa come agente della composizione, inquadratura, esposizione, angolazione fotografica-una causalità causale, per così dire, senza che questa sia per forza rivelatrice, ma semplicemente un motore volutamente random dell’azione fotografica, come in un processo di unlearning, di abbandono delle proprie abitudini e frequentazioni culturali”.

La mostra sarà visitabile fino al 31 dicembre negli orari di apertura della libreria.

RAVENNA TEATRO SPETTACOLO BUFFA BILLB TOP 04 – 16 12 19
DECO – PIADINA LORIANA LEAD HOME E CULT SPETTACOLI 01 01 – 31 12 19
OASI BEACH – BILLB MID1 09 – 15 12 19