Notizie di Ravenna su cronaca, politica, cultura

Martedì 17 Gennaio 2017

Ravenna Festival

Torna a ottobre Trilogia d'Autunno
tra musica, teatro e cucina a tema

Omaggio alla cultura austroungarica sulle sponde del Danubio, con tre celebri operette e un'orchestra di cento violini zigani

di Simona Guandalini

Il pipistrelloDopo il grande successo riscosso nelle tre edizioni precedenti, ritorna al Teatro Alighieri di Ravenna la “Trilogia d’Autunno” di Ravenna Festival, quest’anno intitolata “Lungo il Danubio. L’operetta come non l’avete mai vista”. La felice formula, che sera dopo sera alterna tre opere sullo stesso palcoscenico, porterà in scena dal 14 al 23 ottobre, in esclusiva nazionale, tre capolavori della Vienna austroungarica, Gräfin Mariza (La Contessa Maritza), Die Fledermaus (Il pipistrello) e Die lustige Witwe (La vedova allegra).
La “Trilogia d’Autunno” di quest’anno costituisce un tributo a una forma di teatro musicale, l’operetta, cui si devono capolavori come quelli proposti, firmati dai grandi compositori Emmerich Kálmán, Johann Strauss e Franz Lehár, e portati in scena dai principali teatri ungheresi, ovvero il Teatro dell’Operetta di Budapest, il Teatro Csokonai di Debrecen e il Teatro di Szeged.
L’intenso trittico “danubiano” vuole anche essere un omaggio alla grande civiltà che fu l’Impero Austroungarico al suo tramonto, e che con Vienna e Budapest si fece culla di uno straordinario fermento culturale.
«Abbiamo voluto parlare di un mondo senza confini, vicino all’utopia, dove più tradizioni coesistevano insieme – spiega il direttore artistico del festival Franco Masotti – e abbiamo scelto di farlo attraverso un genere, “l’operetta”, che fonde alla perfezione teatro, musica e danza di altissimo livello, e costituisce l’illustre progenitore del musical di Broadway e del West End».

La Contessa Maritza

A inaugurare la trilogia venerdì 14 ottobre (con replica martedì 18) sarà la Gräfin Mariza di Kálmán, che andò in scena per la prima volta nel 1924, riscuotendo però maggior successo nel secondo dopoguerra; le vicende della ricca Contessa Maritza assediata dai pretendenti hanno come sfondo un possedimento tra Ungheria e Bulgaria, e si dipanano sulle note popolari di musica magiara e zigana, in primo luogo la csárda.
Segue sabato 15 ottobre (con repliche mercoledì 19 e venerdì 21) Die Fledermaus, di Johann Strauss. Tratto dalla commedia Le réveillon di Meilhac e Halévy e rappresentato la domenica di Pasqua del 1874, Il pipistrello racconta i tentativi del notaio Falke di vendicare una burla degli amici, che lo hanno costretto a vagare per la città ubriaco e travestito da pipistrello. La musica del valzer, della csárda e della polka mantengono alta la tensione dello spettatore, coinvolgendolo in un funambolico e intricato gioco delle parti.
La trilogia si chiude con il capolavoro Die lustige Witwe, in scena domenica 16 ottobre (con repliche lunedì 17 e giovedì 20). «Questa non è musica!» furono le parole con cui il direttore del teatro An der Wien accolse La vedova allegra dopo il debutto il 30 dicembre 1902: Lehár volle incidere la frase sulla medaglia che ne celebrava la duecentesima replica. L’opera si svolge a Parigi, e ha per protagonista Hanna Glawari, una ricca vedova del Pontevedro – nome che cela a malapena il Montenegro – i cui connazionali vorrebbero far risposare in patria per evitare il trasferimento all’estero del patrimonio. Ci riusciranno al termine di una partitura in gran parte in tre quarti, il tempo del valzer, grazie ad una vecchia fiamma, Danilo, omonimo del figlio di Nicola I re del Montenegro – ulteriore dettaglio che ha dato luogo a interpretazioni irredentiste dell'opera.

In attesa della “Trilogia d’Autunno”, Ravenna Festival ripropone un titolo che l’anno scorso riscosse un notevole successo, Mimì è una civetta: l’eterna storia d’amore tra Mimì e Rodolfo ispirata alla Bohéme di Puccini, andrà in scena al Teatro Alighieri lunedì 3 ottobre, per poi proseguire una lunga tournée nei principali teatri dell’Emilia Romagna.

Maggiori informazioni sugli orari degli spettacoli e l’acquisto dei biglietti sul sito www.ravennafestival.org, oppure alla biglietteria del Teatro Alighieri in via Mariani 2 (tel. 0544 249244).

Budapest Gypsy Symphony OrchestraTeatro, musica, danza e non solo: durante le prime del trittico, il 14,15 e 16 ottobre, grazie alla collaborazione di “CheftoChef -  emiliaromagnacuochi”, avverrà un vero e proprio incontro delle culture enogastronomiche romagnola e danubiana, attraverso due momenti chiave rivolti alla scoperta della tradizione culinaria ungherese: per tutto il fine settimana con “Ungheria e Romagna a tavola insieme”, saranno serviti vini ungheresi in 27 ristoranti della città, mentre il ristorante Alexander e le osterie L’Acciuga e i Passatelli proporranno un menù a tema con accompagnamento musicale live. Per l’immancabile secondo appuntamento all’insegna della buona cucina, sabato 15 ottobre, alle ore 13, il Museo d’Arte della città di Ravenna aprirà le porte per accogliere la musica e la creatività di tre chef  d'eccellenza: Igles Corelli, Pier Giorgio Parini e Mattia Borroni.
All’ultimo appuntamento della "Trilogia" seguirà invece il “GiovinBacco. Sangiovese in Festa”: l’ormai nota manifestazione enologica dei vini romagnoli, animerà il centro di Ravenna per 3 giorni, il 21, 22 e 23 ottobre, durante i quali, per rimanere nel tema delle operette rappresentate, musicisti zigani e nostrani si esibiranno nelle piazze cittadine.
A concludere il viaggio lungo il Danubio sarà il concerto della Budapest Gypsy Symphony Orchestra, per la prima volta in Italia: domenica 23 ottobre (al teatro Alighieri)  l’orchestra composta da 100 strumentisti tra violini, viole, violoncelli, contrabbassi, clarinetti e cimbalom, alternerà pagine celebri di compositori quali Liszt, Bartók, Kodály, Cajkovskij e Strauss a brani di musica tradizionale ungherese e zigana.

25 - 09 - 2016
© riproduzione riservata

commenti

lascia un commento

Non ti sei ancora registrato? Registrati ora e lasciaci il tuo commento.

Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Copia qui questo codice* :2597

 

I campi con * sono obbligatori.
Registrandomi accetto le condizioni d'uso di Ravenna & Dintorni.

 

Accedi con il tuo account

Email
Password

Password dimenticata?
Inserisci qui sotto la tua mail e premi il pulsante Recupera

Email

 
Copyright © Reclam Edizioni & Comunicazione - Viale della Lirica, 43 - 48124 Ravenna - www.reclam.ra.it
Credits: progetto e sviluppo di G&M Network Srl - Filosofia e Tecnologia Web - www.gemnetwork.it